Archivi tag: supernova

Una stupenda foto di 4 secoli fa.

Dopo 4 secoli dall’ esplosione di una supernova ne vediamo il film del passato.L’immagine è stata ripresa  dall’osservatorio di Calar Alto in Spagna e rielaborata con l’aiuto dei due telescopi della Nasa:Spitzer e Chandra,combinando le foto agli infrarossi e quelle ai raggi X.La deflagrazione ha lasciato una ardente nuvola di detriti in espansione (in verde e in giallo).L’alone blu che forma una sfera all’esterno dell’onda d’urto è composta da elettroni ultra-energici,le parti rosse vicine al bordo esterno sono polveri e materiali irradiati dalla supernova.
Image Credit: MPIA/NASA/Calar Alto Observatory

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

Anna Maria Bauer

Anna Maria Bauer nasce nel 1947,vive e lavora tra Zurigo e Bedigliora (TI) Svizzera.

Contrassegnato da tag , , ,

Con Spitzer alla ricerca dell’origine della vita sulla terra

                                                                                                                                      Gli astronomi ritengono che la terra in origine era un posto molto simile all’inferno. Le temperature erano estreme ed il pianeta era bombardato costantemente da residui cosmici. Molti scienziati ritengono i prodotti base della vita, o i blocchetti di costruzione, devono essere stati molto resistenti per sopravvivere in questo ambiente tumultuoso. Ora, il telescopio di Spitzer della NASA ha scoperto che le molecole organiche che costituiscono i blocchetti di costruzione della vita, denominati idrocarburi policiclici aromatici o IPA, possono anche sopravvivere all’ambiente estremo dell’esplosione di una supernova. Le Supernovae sono le morti violente delle stelle più voluminose. Nell’esplosione, questi oggetti volatili proiettano tonnellate di onde energiche nell’universo, distruggerendo gran parte della polvere che le circonda .Il fatto che gli idrocarburi policiclici aromatici possono sopravvivere in una supernova indica che sono incredibilmente duri – come delle blatte cosmiche che resistono ad uno scoppio nucleare. Tale durezza potrebbe essere un ulteriore prova che queste molecole sono effettivamente fra i blocchetti di costruzione della vita. Achim Tappe del centro Harvard-Smithsonian per l’astrofisica di Cambridge, ha utilizzato gli infrarossi dello spettrografo del telescopio spaziale Spitzer per rilevare gli importi abbondanti degli idrocarburi policiclici aromatici lungo il bordo della supernova N132D. Il resto si è raccolto a 163.000 anni/ luce in una galassia vicina, denominata la grande nube di Magellano. “Il fatto che vediamo gli idrocarburi policiclici aromatici sopravvivere a questa esplosione denota la loro resistenza” dice Tappe.In queste molecole intriganti sono contenuti gli atomi di idrogeno e di carbonio e sono state trovate all’interno delle comete , intorno alle regioni dove si formano le stelle e nelle zone dove si addensano i pianeti. Poiché tutta la vita sulla terra è basata sul carbonio, gli astronomi sospettano che il carbonio originale della terra potrebbe venire da queste molecole, probabilmente dalle comete che si sono scontrate con il nostro giovane pianeta . Gli astronomi sostengono che è una prova certa che una stella voluminosa è esplosa vicino al nostro sistema solare proprio mentre si formava ,circa 5 miliardi di anni fa.In caso affermativo, gli idrocarburi policiclici aromatici che sono sopravvissuti a quella devastazione potrebbero aver aiutato il seme della vita sul nostro pianeta. La relazione del Tappe è stata pubblicata nel 10 dicembre 2006.

Contrassegnato da tag , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: