Archivi tag: storia – misteri – articoli

Lago Bernardo (Grosseto 1642)

1642_2
Archivio di Stato di Siena. Quattro Conservatori 1723. “Accesso d’Istia per la terminazione de beni con la comunità e spedale di detto luogo fatto dal Sig. Francesco del già Sig. Grancesco Piccolomini”. Anno 1642
«Lago Bennardo. Gode ancora il Vescovado un laghetto chiamato il Lago Bennardo quale confina con la corte di Grosseto, et con la corte d’Istia si ci pigliano delle tinche, et de lucci al tempo della quadragesima, et qualche anguilla, et scarpita. Non si cava anco da questi intrata alcuna solamente da tanto pesce che basta alla casa la Quaresima».

cbk_002
Chi percorre la strada statale Aurelia nel nuovo tratto a 4 corsie verso Livorno, proprio di fronte all’uscita Grosseto est, noterà, sulla sua destra, una conca naturale che si allunga verso Istia d’Ombrone;questo è ciò che resta di un piccolo specchio d’acqua che si trovava fra la stessa Istia e Grosseto, poco a nord di Sterpeto, completamente prosciugato con i lavori di bonifica del secolo XX.L’evidente depressione del suolo è appunto la traccia rimasta del suo alveo, di forma circolare, dal quale nasceva il fosso Molla,che si dirigeva poi verso il Lago di Castiglioni.Era il Lago Bernardo, per quanto documentato solo dal secolo XII.
Nel 1642, il Lago Bernardo era in grado di fornire soltanto una modesta quantità di pesce e ciò testimonia lo stato di degrado cui era giunto rispetto alla sua originaria caratteristica di lago -seppur piccolo – pescosissimo. Tale infatti lo definisce ancora un documento del 1468, che, chiamandolo «Lago d’Istia», lo annovera fra i luoghi ove la repubblica di Siena avrebbe potuto approvvigionarsi convenientemente di pesce. Alla caratteristica della pescosità delle sue acque accenna anche il più antico documento pervenutoci che si riferisca al sito, il privilegio di papa Clemente III del 1188, che riconosce l’appartenenza del lago alla chiesa grossetana. La sponda meridionale del lago fa parte della linea di confine fra i territori di Istia e di Grosseto descritta da una carta del 1262.
Le condizioni ambientali che lo consentono, però, vengono radicalmente mutate a causa della mancata cura dell’alveo del lago – come testimonia anche la sua diminuita pescosità documentata nel 1642 – e del suo emissario, il fosso Molla, che anzi divengono fra i principali fattori determinanti il generale degrado del sistema idraulico della pianura grossetana. Ne è testimone Leonardo Ximenes, che progettò e realizzò lavori per il prosciugamento del lago ed il recupero alle colture agricole delle terre circostanti.Il lago Bernardo non era l’unico della zona,infatti numerosi specchi d’acqua erano presenti fra Roselle ed Istia e questo spiega il nome della strada che unisce le due frazioni di Grosseto.”Strada dei Laghi” altrimenti senza senso alcuno.

lago
Archivio di Stato di Firenze, Mediceo, f. 2029, c. 706. Disegno raffigurante Grosseto e l’area limitrofa fino al Lago del Vescovo (il Lago Bernardo) allegato a: “Relazioni e notizie di lavori di bonifica fatti nella pianura di Grosseto, negli anni 1689-1707”, senza firma.
Contrassegnato da tag , ,

Il Codex Seraphinianus

Il Codex Seraphinianus è un libro scritto da Luigi Serafini tra il 1976 e il ’78.La strana enciclopedia è caratterizzata da una grafia sconosciuta e da oltre mille disegni che risultano un rompicapo senza nessun senso logico.Questa opera,perchè di opera si tratta,è assolutamente affascinante e ricorda,in qualche modo,il “Manoscritto Voynich”,in special modo nella sua costruzione surreale.Ognuno di noi è padrone di dare qualunque significato al  Codice,mero esercizio fanta/letterario oppure ispirazioine di carattere esoterico,resta il fatto,però,che Luigi Serafini ha riportato su carta sogni provenienti da un’altra dimensione.Potrete vedere con i vostri occhi le spiazzanti immagini del volume in questione cliccando sul seguente link:  CodexSeraphinianus

 

 

Contrassegnato da tag , , ,

I Fenici

PhoeniciaTrade

Le parole “verità fenicia” o ” fides Punica” e ” storia fenicia ” furono utilizzati dagli antichi Greci e Romani a significare un tradimento o una bugia . Mentre i Fenici erano considerati molto capaci come marinai ( i Romani clonarono con entusiasmo una cinqueremi cartaginese quando la trovarono incagliata ed abbandonata ) , artigiani e commercianti noti, tra le altre cose, per il loro vetro e la porpora , erano disprezzati dalla maggior parte degli scrittori classici che li hanno descritti utilizzando commenti razzisti o proto – razzisti che troviamo nella letteratura degli Ellenici e dei Romani , in pratica fu l’invenzione del razzismo nell’antichità classica.
Nell’Iliade , la descrizione dei Fenici non è negativa , mentre nell’Odissea , inizia la spirale verso il basso .
Nell’Iliade ( 23,740-44 ) ,ci si riferisce ai Fenici come “abili artigiani di Sidone ” e si fa menzione del fatto che i Fenici utilizzavano l’acqua per produrre l’oggetto artigianale. Nell’Odissea ( 14,287-297 ) i Fenici sono invece ingannevoli e avidi .Sempre nell’odissea( Od. 15,415-8 ) , una donna fenicia attraente ed alta è descritta come abile nel lavoro manuale .
Platone ( 427-347 aC )
( Leggi 747C – e) descrive i Fenici come gretti e avidi .In altri punti (D. 637D -e ),li descrive come guerrafondai ( come fa Aristotele [ Pol . 1324b ] ) . Storia fenicia = bugia (Resp. 414c ) .
Plauto ( c. 254-184 aC )
Plauto nella sua commedia su un fenicio, descrive i Fenici come astuti.
Polibio (2 ° C aC )
Cita i Fenici come navigatori .
Diodoro (1 ° C aC )
Pionieri marinai e commercianti .
Cicerone ( c. 106-43 aC )
Barbari con una tradizione come pirati navali , attribuendo il lusso ai Greci e l’avidità ai Fenici . Egli li chiama”i più insidiosi fra gli uomini” .
Cornelio Nepote ( 99-24 aC )
Nepote , il biografo di Annibale , dice che Annibale superò i propri comandanti in abilità.
Livio ( c. 59/64 aC – dC 17/12 )
Annibale è descritto come crudele , perfido , senza timore degli dei e con nessun scrupolo religioso .
Plinio il Vecchio ( 23-79 dC )
Inventori del commercio .
Non è mai esistito un paese o impero chiamato ” Fenicia “.Il termine greco per punico è  ‘ Phoenikes ‘ ( Phoenix) , da ciò , Poenus . I Greci non distinsero tra Fenici occidentali ed orientali , ma i romani lo fecero – una volta che i Fenici occidentali con Cartagine iniziarono a competere con loro .
I Fenici nel periodo dal 1200 ac. fino alla conquista di Alessandro Magno nel 333 , vivevano lungo la costa levantina (e quindi dovrebbero essere considerati Fenici orientali )  . Dopo la diaspora fenicia , Fenici è stato utilizzato per riferirsi a persone dei territori occidentali rispetto alla Grecia .
Il termine fenicio – punico fu talvolta usato per zone della Spagna , Malta , la Sicilia , la Sardegna e l’Italia , dove c’era una presenza fenicia . La designazione latina è Carthaginiensis o Afer , dato che Cartagine era in Africa settentrionale .
Jonathan R. W. Prag scrive:
” La base del problema terminologico è che , se punico sostituisce fenicio come termine generale per il Mediterraneo occidentale successivamente alla metà del VI secolo , poi ciò che è ‘ cartaginese ‘ è ‘ punico , ‘ ma ciò che è ‘ punica ‘ è non necessariamente ‘ cartaginese ‘ ( e, in definitiva tutto è ancora ‘ fenicio ‘) . ”                                                                                                                                                      

alfabeto fenicio

Il nome storico di questa cultura è stato coniato dai greci e,naturalmente, non era il loro. Il nome Phoenicia deriva dalla stessa parola greca che stava ad identificare un colore rosso o viola scuro(phoinix=rosso) ;i Fenici,infatti, erano famosi per le loro tinte porpora della stoffa, soprattutto un tipo molto costoso affine alla regalità.La porpora è una sostanza colorante di tinta rossa violacea ottenuta dalle secrezioni di alcuni “molluschi marini” del genere murex. Il murice è un comune gasterpode (mollusco monovalva) del bacino del Mediterraneo, la cui conchiglia è caratterizzata da un lungo gambo e da protuberanze appuntite sul corpo.Per ottenere questa sostanza colorante, gli artigiani fenici avevano sviluppato una tecnica ben definita: si pescavano dai basi fondali grandi quantità di conchiglie, utilizzando reti con esche di pesce.I molluschi così raccolti venivano riversati in grandi vasche, nelle quali si frantumava la conchiglia. La polpa del mollusco, miscelata con acqua marina e pressata, veniva poi bollita per alcuni giorni in contenitori di piombo fino a ottenere il colorante. Poiché la lingua e gli scritti greci sono rimasti in abbondanza , mentre i testi fenici sono molto scarsi , il nome dato a questo popolo dagli ellenici è rimasto immutato nei secoli.I Fenici sono apparsi sulla scena della storia intorno al 1200 aC , un momento in cui gran parte del mondo civilizzato era invasa dai barbari .Durante questo vuoto politico e militare durato quasi 400 anni, questo piccolo gruppo di commercianti furono in grado di prosperare e gradualmente espandere la loro influenza . Invece di conquistare un impero fisico cercando di annettersi le terre contigue , a poco a poco costruirono una grande rete di commerci e colonie facendo base in alcune città indipendenti lungo la costa di quello che oggi è Libano.Gli abitanti di queste città erano ciò che restava dei Cananei (ancora una volta Canaan significa “rosso porpora”) ,alcune tribù semite che avevano occupato le città-stato in questa regione , prima al 1200 aC . Le più importanti delle loro prime città fondate furono Tiro, Sidone , Berytus ( moderna Beirut) , e Byblos ;queste città costiere erano racchiuse su di un lato dai monti del Libano conseguentemente l’ unica opportunità evidente di espansione e guadagno economico era via mare.Prima del 1200 aC. , i commercianti cananei si erano forse limitati ad operare lungo la costa levantina , l’Egitto e la costa meridionale dell’Anatolia . I minoici di Creta avevano bloccato l’ingresso nel Mar Egeo , e controllavano tutto il commercio in quella zona , e probabilmente controllavano anche il commercio più a ovest . Le città costiere cananee erano certamente controllate dall’ Egitto , e uno delle loro principali attività era fornire il legno ( i famosi cedri del Libano) alla civiltà della regione del Nilo.La civiltà minoica fu distrutta nel 1200 aC e questo fatto eliminò la maggior parte dei vincoli nel Mediterraneo e nel mare Egeo e i Fenici furono i più aggressivi tra coloro che tentarono di riempire il vuoto . In effetti le loro città erano ben posizionate per questa impresa essendo situate letteralmente al centro del mondo conosciuto; l’Egeo,la Mesopotamia e l’ Egitto erano tutti più o meno equidistanti a ovest, sud e est . Per qualsiasi delle tre regioni la via commerciale più semplice per operare con l’altra era attraverso le città fenicie . Dal IX secolo aC , l’antica età oscura si stava avvicinando la fine .                                                                              

Ancient-Phoenician-buildings-ruins

Per i Fenici fu un crescendo di florido e ricco mercato,ma questo attirò nemici, principalmente gli Assiri ed a fronte di ripetuti assalti e pagamenti di pesanti tributi perpetrati da questi, gli abitanti di Tiro adottarono la strategia di stabilire colonie a ovest. Le colonie riuscirono a liberarsi dalla morsa degli Assiri, anche aiutati dallo sfruttamento di metalli e dal commercio nel Mediterraneo.I Fenici di Tiro ( Libano ) fondarono appunto Cartagine , antica città-stato nella zona che è la moderna Tunisia intorno al 700 aC . Altre colonie importanti erano in Sicilia ,in Corsica ,in Sardegna e in Spagna ( le moderne Cadice e Cartagena) . Nel corso dei seguenti 500 anni Cartagine crebbe rapidamente in dimensioni e potenza e la maggior parte della sua ricchezza proveniva dalle miniere della Spagna . Cartagine fu costretta a combattere per il controllo del Mediterraneo occidentale contro i Greci e poi i Romani e,da questo periodo i Fenici divengono,nei libri di storia, i Cartaginesi.
L’economia fenicia fu costruita sulla vendita di legname , la lavorazione del legno e la tintura delle stoffe. I coloranti di tonalità variabili dal rosa al viola profondo erano fatte da una ghiandola di una lumaca di mare . A poco a poco le città-stato fenicie divennero centri di commercio marittimo e di fabbricazione di prodotti. Avendo limitate risorse naturali ,erano costretti ad importare le materie prime materie e modellavano oggetti preziosi che venivano esportati con profitto , come gioielli , metalli , mobili e articoli per la casa .Presero in prestito tecniche e stili da tutti gli angoli del mondo che toccarono come commercianti. Fortificando i siti in Sicilia e nel Nord Africa ,riuscirono effettivamente a negare alle civiltà concorrenti di accedere alle ricchezze della Spagna , della costa occidentale dell’Africa (oro , legni esotici e schiavi ) , e della Gran Bretagna ( stagno, una risorsa strategica e fondamentale, necessaria per produrre bronzo) .

PhoeniciaColonization-e
La religione fenicia era politeista e i loro dèi richiedevano sacrifici continui per prevenire disastri , soprattutto Baal , il dio delle tempeste . Nessun significativo tempio fenicio è stato ancora scoperto ,anche perchè la maggior parte delle loro antiche città giacciono sepolte sotto le città moderne .Anche la Bibbia racconta di sacrifici umani fatti dai Fenici ma questa pratica fu, in un secondo tempo, abbandonata ,non a Cartagine però dove è stato trovato un cimitero fuori dalla città che conteneva migliaia di urne di bambini sacrificati agli dei . Le famiglie nobili di Cartagine presero l’abitudine di utilizzare animali e schiavi al posto dei loro figli , ma in seguito ad un disastro militare nel 320 aC , 500 bambini provenienti dalle migliori famiglie furono sacrificati . La cultura fenicia fu influenzata in larga misura dalle loro origini semitiche e dai vicini semiti . La loro cultura, più tardi, è stata fortemente influenzata dai Greci . Ci sono pochi oggetti conosciuti oggi che sono chiaramente Fenici.Uno dei loro contributi duraturi alla civiltà del mondo è stato un proto- alfabeto , dove ogni lettera rappresentava una consonante così da ridurre in modo significativo il numero di simboli necessari per rendere le parole scritte e,quando pronunciate, le vocali erano implicite. Successivamente i Greci aggiunsero simboli per i suoni vocalici , creando il primo vero alfabeto.
Quando i Fenici iniziarono a competere con i greci per il commercio e le colonie , costruirono le prime navi pensate espressamente per la guerra . Le battagli navali crebbero di importanza durante il quinto secolo, quando la Persia combattè contro le città- stato greche per il controllo del Mar Egeo , l’Anatolia occidentale e il Mediterraneo orientale . In questo periodo le città fenicie erano sotto il controllo della Persia,infatti le navi fenicie costituirono il grosso della flotta persiana che fu sconfitto a Salamina nel 480 aC . I Romani infine eliminarono dal Mediterraneo le navi cartaginesi e portarono le guerre ad una conclusione positiva nel Nortd Africa.I Cartaginesi erano l’unico significativo esercito di terra che poteva essere considerato di derivazione Fenicia. Il loro più grande generale fu Annibale , che invase l’Italia dalla Spagna , passando le Alpi in inverno con il suo esercito e gli elefanti . La maggior parte delle sue truppe erano Celti arruolati in Spagna e in Gallia . Un punto di forza del suo esercito era la cavalleria del Nord Africa, che riuscì a circondare la fanteria romana e contribuire ad annientarla . I Romani infine sconfissero Annibale attaccandolo in Spagna prima, e poi direttamente nel Nord Africa.
Le città Fenicie erano periodicamente sotto il tallone di un conquistatore orientale dopo l’altro da circa il900 aC. al 332 aC . Non erano mai abbastanza forti per tenere a bada i potenti eserciti di Assiria , Babilonia e poi Persia , anche se spesso erano abbastanza ricchi per comprare mercenari da fuori. Nel 332 aC Alessandro Magno le prese una ad una , terminando,ancora una volta, la loro indipendenza .Diventarono città greche e persero la loro identità come Fenice per sempre.Cartagine durò altri 200 anni . Dopo essersi tenuta fuori dall’espansione greca,incontrò sulla propria strada i romani più popolosi e meglio organizzati. Alla fine delle guerre puniche nel 146 aC , il popolo di Cartagine fu portato via in schiavitù e la città fu definitivamente distrutta.
La tradizione fenicia del commercio si è svolta in Libano nel corso degli anni fino ai tempi moderni , a prescindere da chi ne abbia avuto il controllo politico .I Fenici furono la prima cultura civile a raggiungere la Gran Bretagna e le Azzorre . Ci sono prove che circumnavigarono l’Africa su commissione dagli Egizi intorno al 600 aC ed altri indizi (molto discutibili) che avrebbero raggiunto il Nuovo MONDO.IL contributo più importante che hanno lasciato fu comunque il loro alfabeto che ,modificato, si è diffuso in tutto il mondo conosciuto.

phoenician_trade
Fonti:
http://www.angelfire.com/

About.comAncient / Classical History
“Poenus Plane Est – But Who Were the ‘Punickes’?”
Jonathan R. W. Prag

Papers of the British School at Rome, Vol. 74, (2006), pp. 1-37
“The Use of Poenus and Carthaginiensis in Early Latin Literature,”
George Fredric Franko
Classical Philology, Vol. 89, No. 2 (Apr., 1994), pp. 153-158

http://www.skuola.net/

Contrassegnato da tag , , , , ,

Gobekli Tepe

Image

Opinione comune degli studiosi è che gli esseri umani prima si insediarono nelle città permanenti,passando dal nomadismo all’allevamento/coltivazione,poi costruirono templi, a partire da circa l’8000 avanti Cristo;questo è sempre stato l’ordine tempistico dei fatti.
Come successo innumerevoli volte,una scoperta,questa volta fatta nel 1994 presso Gobelike Tepe,una zona rurale in Turchia,ha messo in dubbio tutte le radicate convinzioni ,suscitando nuovi interrogativi in merito all’evoluzione delle civiltà.

Image

Gobekli Tepe,risalente al 10 ° millennio aC è caratterizzato da anelli multipli di enormi colonne di pietra scolpiti con scene di animali ed  è considerato luogo di culto più antico del mondo. Eppure l’evidenza suggerisce che le persone che lo costruirono erano cacciatori semi-nomadi, probabilmente ignari di agricoltura, che ha visto la luce nella zona solo cinque secoli dopo.

Image

A causa di Gobekli Tepe, gli archeologi sono davanti al problema dell’uovo e la gallina.Sono nati prima i progetti edilizi isolati ( immotivati per una civilà nomade) o i nuclei urbani stabili come si è sempre pensato?

Image

Contrassegnato da tag , , , ,

Glozel

La vicenda di Glozel,cittadina a circa venti chilometri a sud-est di Vichy, nei pressi della D495 Cusset / Ferrieres-on-Sichon e situato tra le montagne del Bourbonnais,è molto lontana nel tempo,troppo lontana.Le testimonianze,la prove,le osservazioni dirette,sono diluite dagli anni trascorsi,perse nei meandri delle discussioni accademiche,inquinate dalle accuse di falsità e dalle invidie covate tra i vari personaggi della storia.In effetti il ritrovamento in questione avrebbe potuto (e dovuto)spazzare via il mondo della preistoria come siamo abituati a considerarlo, forse sarebbe dovuta essere la chiave che apre la porta al mistero delle origini del mondo o almeno le origini della nostra civiltà e la migrazione dei popoli.Era il 1 marzo 1924 ed Emile Fradin, diciassette anni, stava aiutando suo nonno, nella loro fattoria a Glozel,ad arare i campi con i buoi a tirare l’aratro.Improvvisamente,una delle due bestie sprofonda in una cavità che si crea con il franare del terreno.Viene alla luce,così,una specie di pozzo, rivestito di mattoni, alcuni dei quali come vetrificati da un calore intenso.La camera era piena di scaffali e nicchie contenenti molti oggetti antichi ed insoliti. C’erano parecchie ossa intagliate, una serie di corna, quelle che sembravano essere statuette di divinità primitive – simili alle’Venus’ dell’età della pietra in avanzato stato di gravidanza – e,cosa più intrigante di tutte, c’erano alcune tavolette di argilla coperte da un alfabeto sconosciuto.

Il dottor Albert Morlet, un medico nella vicina Vichy, sentì parlare dell’insolita scoperta del giovane Fradin. Morlet era vivamente interessato all’ archeologia e all’antropologia e andò perciò a visitare la fattoria Fradin il 26 aprile 1925. Fu come colpito da quello che vide e capì immediatamente quello che questa scoperta avrebbe significato per il mondo scientifico, cosicchè fece un accordo con Fradin. Secondo i termini di questo accordo, i manufatti sarebbero stati degli scopritori, ma Morlet avrebbe avuto i diritti esclusivi per la pubblicazione e la riproduzione di tutte le informazioni scientifiche associato al sito.


Il dottor Capitan, un esperto ed eminente archeologo (almeno a suo parere personale), si trova coinvolto nel misterioso ritrovamento. Dopo aver visitato il sito di Glozel scrisse con entusiasmo a Morlet: “Hai un meraviglioso ritrovameno là.Vi prego di scrivermi una relazione dettagliata delle vostre scoperte in modo che possa trasmetterla alla Commissione per i monumenti storici ” Morlet vide,però, questa richiesta sotto un’altra luce : Capitan avrebbe ottenuto la maggior parte del credito, mentre Morlet aveva fatto la maggior parte del lavoro. Morlet e le Fradin avevano altri piani, infatti dettero alle stampe un libretto dal titolo: Nouvelle Stazione Néolithique (un nuovo sito Neolitico).Purtroppo, la natura umana pone spesso formidabili ostacoli psicologici nel cammino della verità oggettiva. Sarebbe un eufemismo perciò dire che il dottor Capitan era furioso con Morlet e le Fradin colpevoli di aver snobbato la sua grande fama. La rabbia si trasformò in azione, e lo studioso non trovò nulla di meglio da fare che contestare l’autenticità del loro sito e dei suoi contenuti,arrivando ad accusare il Fradin di aver creato degli oggetti con le proprie mani!


A questi punto l’escalation della polemica era innescata;il professor Salomon Reinach di St Germain-en-Laye si disse favorevolmente impressionato dai reperti di Glozel, anche perchè confermavano la sua ipotesi che la civiltà aveva avuto origine nel bacino del Mediterraneo piuttosto che altrove. Era una teoria vagamente patriottica e molto popolare in Francia all’epoca. Lo storico Camille Jullian Morlet e si schierò con i Fradin.La controversia si approfondì quando Edmond Bayle, uno scienziato forense, pensava di aver rilevato frammenti di quello che avrebbe potuto essere erba in alcune tavolette d’argilla di Glozel. Ha espresso il suo voto contro la loro autenticità – dimenticando, forse, che un fogliame simile era stato ritrovato nei resti di mammut siberiani. Hunter Charles Rogers – con la fama di essere un noto falsario di reliquie – ha sostenuto che era stato responsabile di alcuni dei manufatti Glozel, ma poca o nessuna attenzione è stata rivolta alla sua testimonianza.


Depéret, Preside della Facoltà di Lione, di Geologia e Associate Vice President della Società Geologica di Francia ha scritto: “Non può rimanere nella mente alcun dubbio sulla genuinità geologica del posto e dei preziosi oggetti ritrovati.In questo senso la nostra dichiarazione più formale (…) Il sito di Glozel è un cimitero risalente al Neolitico estremamemte antico. (…) La presenza indiscutibile, anche se probabilmente molto rara, di una renna , in aggiunta ad altre reminiscenze degli strumenti da ricondurre ai magdaleniani mi porta ad ammettere che il deposito è vicino al Paleolitico Finale, al quale si possono rapportare sia la forma degli strumenti che le tavolette scritte. “
Joseph Loth (1847 – 1934), professore al Collège de France dal 1910, archeologo ed esperto della storia e della lingua celtica, consiglia ad Emile Fradin di installare un piccolo museo e questa è la prova che egli crede nella autenticità e l’importanza di quanto è stato scoperto nel sito.La negligenza ufficiale è caduta sul sito di Glozel, il suo inventore, che oggi ha 86 anni, e le conclusioni che si dovevano disegnare. Rimane solo l’interesse e la passione di alcuni appassionati di archeologia che pretendono la verità.
E’ tempo di riconsiderare il’ caso Glozel ‘. Gli scavi che sono stati fatti dopo l’incidente del 1 ° marzo 1924, ufficiali o meno, rivelano, con precisione, dati che sconvolsero le certezze espresse troppo spesso senza alcun senso di oggettività. Ecco, brevemente riassunte, le cause dell’anatema su Glozel e il suo inventore, che hanno poi innescato la legge del silenzio:
– La renna non doveva vivere sul territorio francese nel Neolitico, con il ritiro dei ghiacciai, sarebbe dovuta essere di nuovo al Nord.
– La scrittura in forma alfabetica, nel Paleolitico ,non esisteva ancora.
– I segni stabiliti in ordine alfabetico sono venuti dal Medio Oriente, e sono datati nel Neolitico.
Tuttavia, a Glozel, i reperti sono stati trovati nella stessa porzione di terra e, secondo alcuni protagonisti della scienza del tempo, non potevano coesistere. Erano incise su una pietra una renna e una serie di segni che assomigliano a un alfabeto.Non si capisce se gli animali incisi su vari supporti fosse stata a scopo evocativo, votivo, sciamanico, oppure se era arte per l’arte?


Nessuno, finora, è in grado di datare questo insieme con coerenza. Il carbonio-14, nonché la termoluminescenza non mettono d’accordo sulle date. Nel 1972, i tecnici della Commissione per l’energia atomica hanno analizzato gli oggetti : le tavolette risalgono dal 700 aC al 100 dC, ma alcuni oggetti d’osso risalgono al 17.000 aC . ! 17 mila anni di distanza, dal Paleolitico superiore alle guerre galliche nella stessa fossa archeologica.
L’unica certezza è che non fu una bufala, e Emile Fradin, scopritore del sito, non è stato certo un falsario.
Ciò che non è stato spesso menzionato è la dimensione delle mani che hanno modellato l’argilla. Quando si premere la mano nell’argilla malleabile, allarghiamo l’impronta della mano stessa, ma ,a essiccazione avvenuta, l’impronta mantiene una dimensione prossima a quella dell’originale. Tuttavia, a Glozel, le mani sono grandi, molto grandi, pur restando proporzionate. Esse superano gli standard di un uomo del ventesimo secolo.
Lo stesso vale per lo spessore delle ossa del cranio trovato: lo spessore è doppio rispetto a quello di un uomo d’oggi. Come il cranio, che è di un volume superiore alla media dei nostri crani stessi. Possiamo parlare di giganti o semplicemente una tribù di uomini molto alti,venuti da chissà dove,e che sarebbe finita lì, isolata, dopo un esodo di misterioso?


Ciò che rappresentano le incisioni e la loro formazione tecnica, corrispondono, anche se il disegno è molto irregolare, a quello che si sa circa il Paleolitico. Alcuni disegni assomigliano a quanto è stato fatto nella penisola iberica, il Marocco e le Canarie, così come intorno al bacino del Sahara . Tutto questo cosa significa?

Contrassegnato da tag , , , ,

Le sfere del Costarica

   

Ben 16 secoli fa gli indigeni della Costa Rica sud-occidentale fecero una gran varietà di massicce sfere di pietra, alcune di soli dieci centimetri di diametro, altre di quasi due metri e mezzo.
La loro forma è così perfetta che non si può fare a meno di chiedersi:
‘Come furono fatte?
A cosa servivano?’
Sfere di pietra sono state rinvenute in diversi altri paesi, fra cui Cile, Messico e Stati Uniti,ma le sfere di granito della Costa Rica sono uniche.
Alcune sono sfere perfette che spesso sono state ritrovate in gruppi di 20 o più,
particolarmente interessante è il fatto che molte erano allineate in modo da formare figure geometriche, come triangoli, rettangoli e linee rette, che spesso indicano il nord magnetico.Parecchie sfere sono state scoperte nel delta del Diquis,
altre sono state rinvenute a sud, vicino alle città di Palmar Sur, Buenos Aires e Golfito,

 

e anche nella provincia di Guanacaste a nord, e nella Valle Central.
Diversi reperti archeologici rinvenuti insieme alle sfere hanno fornito indizi preziosi per datarle e gli archeologi ritengono che alcune di queste pietre misteriose risalgano al 400 dopo Cristo anche se la maggior parte comparve tra l’800 e il 1200.
Alcune sono state rinvenute vicino a quelle che sembrano abitazioni o in prossimità di sepolcri,col tempo, alcune sfere, sono state purtroppo distrutte da persone che si aspettavano di trovarci dentro un tesoro.

 

Contrassegnato da tag , ,

I resti di un alieno a Panama

Alcuni ragazzi ,a Panama,hanno effettuato un ritrovamento che,con un eufemismo,chiamiamo strano.Il quotidiano di informazione panamense Telemetro Canal 13 riporta la notizia di una strana creatura fotografata recentemente nel Cerro Azul  sulla cui origine rimangono ancora molte domande. Quattro ragazzi tra i 14 e i 16 anni avrebbero rinvenuto questa carcassa  sabato 12 settembre mentre giocavano nella zona.La notizia va naturalmente presa “con le molle”.Secondo alcuni studiosi la “creatura” somiglierebbe ad un bradipo mutato o comunque privo della peluria.La  conferma a questa teoria sarebbe data dalla forma delle zampe la cui parte finale si presenta ad uncino.In effetti i bradipo è presente in quelle zone.Nè studiosi nè autorità hanno visionato il corpo,quindi le notizie che circolano non sono in alcun modo controllabili.probabilmente si tatta di una bufala ben architettata,ma,per adesso,abbiamo i resti di un “alieno” a Panama.

 

Contrassegnato da tag ,

I segreti dei gemelli

 

Uno dei misteri della scienza è quanto influiscono l’ereditarietà ,l’ambiente e/o fattori inspiegabili nelle vite parallele dei gemelli.Una ghiotta occasione per un’ analisi comparativa si è verificata per lo psicologo Thomas Bouchard, quando due gemelli identici, che erano stati separati da un’adozione a tre settimane d’età, improvvisamente si sono riscoperti reciprocamente in Ohio a 39 anni.Entro due settimane dopo la lettura su di loro nella stampa, il Dr. Bouchard ha voluto i gemelli nel suo laboratorio Minneapolis per i test che sognava da una vita. Fin dall’inizio della sua inchiesta lo psicologo ha affermato “Penso che ci saranno talmente tanti tipi di differenze che saranno sorpresi anche i Gemelli stessi.” Invece sono state immediatamente evidenti le peculiari similitudini tanto che  Bouchard è rimasto letteralmente “basito”.Curiosamente, entrambi era stati battezzati James dai genitori adottivi, i Lewis di Lima Jess e gli Springer di Piqua, distanti cica 40 miglia. Come studenti, entrambi eccellevano nelle scienze matematiche e in manualità — ma odiavano l’ortografia. Entrambi hanno simili occupazioni da adulti: Lewis è una guardia di sicurezza in un’acciaieria e Springer era un vice sceriffo (anche se ora  è un impiegato in una società ). Entrambi hanno sposato donne che si chiamano Linda, hanno divorziato e si sono risposati tutti e due con una donna di nome Betty. Entrambi hanno figli: James Alan Lewis e James Allan Springer.I due uomini condividevano anche un altro fatto:entrambi convivevano con una sensazione inspiegabile di vuoto e “mancanza”.I gemelli si sono reincontrati poichè la signora Lewis,quando Jim aveva 16 mesi,si era recata nella contea di Miami per richiedere un documento relativo all’adozione e le era stato detto ,in via confidenziale,che anche l’altro ragazzino era stato chiamato Jim.Per 37 anni la donna aveva rimosso questa informazione,quando le è tornata in mente ha convinto il figlio a sincerarsi se la notizia fosse vera e così è venuta fuori tutta la storia.

 

Contrassegnato da tag ,

“Seven unsolved medical mysteries” di Alison George

Questa settimana New Scientist ha pubblicato il profilo di un medico che è la versione reale della serie TV “Doctor House”.William Gahl ha recentemente istituito il “Programma Malattie non diagnosticate” per cercare  una risposta ai casi più insoliti che hanno sfidato tutti gli altri esperti medici.
Questi casi che andremo ad analizzare ci convincono che alcuni disturbi lasciano letteralmente interdetta la scienza. Ecco una selezione dei più inspiegabili.
L’uomo albero.


Con le mani e i piedi simili a tronchi ricoperti da corteccia, Dede, un uomo di West Java, Indonesia, sembra essere veramente mezzo albero e mezzo uomo.
Ma qual è la causa di queste deformazioni? Fortunatamente per Dede, questo mistero,nel maggio di quest’anno,e stato risolto.
La causa sembra essere stata una rara deficienza immunitaria, che ha messo il virus del papilloma umano –   la causa delle verruche – fuori controllo.
Dito putrido .                                                                                           
Nel 1996 la rivista medica The Lancet ha condotto uno studio su un caso angosciante. A 29 anni, un uomo che si era punto un dito con un osso di pollo 5 anni prima, lasciando che l’infezione proliferasse,ha iniziato a emanare un odore terribile.
“Il più invalidante conseguenza di questa infezione è stato un  odore di putrido proveniente dal braccio, che faceva voltare la gente in una grande sala ma la faceva fuggire quando si trovavano in una piccola stanza, diventando quasi intollerabile”, affermava un documento medico.
La causa del malessere  non è stata identificata, e  non ha risposto agli antibiotici, cosìcchè i medici curanti hanno pubblicato un appello: “Chiediamo l’assistenza da parte di colleghi che hanno incontrato un caso simile o suggerimenti per alleviare questo tremendo odore del paziente anche se la causa non può essere eliminata”.
Quindi, cos’è accaduto a questo povero uomo?Emana ancora l’odore di putrido dopo tutti questi anni? E’stato contattato il dermatologo che lo aveva in cura per scoprirlo.
Peter Holt della Clinica universitaria di Galles ha riferito che l’infezione si è risolta spontaneamente, e la menomamte conseguenza è scomparsa. Ma la causa resta un mistero.
La sindrome di Morgellons .


I sintomi: fibre che fuoriescono da lesioni pruriginose, accompagnate dalla sensazione di prurito e di essere morsi da un parassita non meglo identificato.
Migliaia di persone in tutto il mondo accusano questi spiacevoli sintomi e sostengono di esseri affetti dalla malattia di Morgellons – un disturbo fisico la cui causa è, ancora sconosciuta.
Ma questi sintomi,per la maggior parte dei medici, sono dovuti ad un un noto disordine psicologico chiamato illusional-parassitosi, una incrollabile convinzione che le sensazioni di prurito ed i morsi sotto la pelle sono causate da parassiti, nonostante le prove inconfutabili il contrario.
Chi ha ragione? La scienza non si è ancora pronunciata, ma alcuni medici stanno cominciando a prendere seriamente in considerazione la sindrome di Morgellons. Un’ipotesi è che le fibre possono essere il risultato di una infezione da batterio Agrobacterium, che più comunemente causa tumori nelle piante.
Sindrome dell’accento estero .


Se vi svegliate e improvvisamente parlate con un forte accento giamaicano, nonostante il fatto che  non avete mai sentito un accento giamaicano prima, sono alte le possibilità che siate affetti dalla sindrome dell’accento straniero.
Il più noto caso di questa sindrome risale al 1941, quando una donna norvegese ,ferita  nel corso di un raid aereo,  si mise a parlare con un forte accento tedesco.
Questa sindrome è stata per molto tempo considerata come un disturbo psicologico, ma, alla fine, è stata associata ad un problema  neurologico che si realizza quando,ad esempio, un ictus causa danni alla parte del cervello associata con la parola.
Il vero mistero è come la gente possa parlare con un accento sconosciuto,anche se di recente gli scienziati hanno elaborato una possibile spiegazione. Mentre il malato non riesce ad esprimersi normlmente,l’ascoltatore associa ad accenti stranieri particolari la difficoltà della parola.
La donna chimera.


Immaginate di andare a fare test genetici ai vostri bambini, e di scoprire di non essere loro madre biologica.
Questa non è fantascienza.E’ effettivamente accaduto ad alcune persone nel mondo.
Nel caso in questione, si è scoperto che la madre era una chimera (un mix di due persone). C’era stata una fusione a livello genetico di due gemelli non identici unitosi in una sola persona nel grembo di sua madre.
Nessuno sa quanto sono comuni le chimere, ma con l’aumento di trattamenti di fertilità e di test genetici, ci sono più probabilità di  scoprire e studiare casi simili.
Allergia all’acqua .

Questa cosa può sembrare veramente impossibile ,visto che i nostri corpi sono circa il 60% di acqua , ma, in alcuni rari casi,alcuni individui sono risultati allergici all’acqua.
Ovviamente riescono a berla ed è ‘il lavaggio, che causa il problema. Anche pochi minuti nella vasca da bagno o sotto la doccia causa loro eruzioni cutanee.
Questa rara condizione (conosciuta con il termine medico “aquagenic orticaria”), è stata descritta per la prima volta nel 1964.
La sua causa è ancora un mistero: potrebbe essere dovuta ad una anomala risposta tossica del corpo quando l’acqua tocca la pelle, o di una estrema ed innaturale sensibilità agli ioni dell’acqua.
Tratto dall’articolo “Seven unsolved medical mysteries” di Alison George edito su New Scientist

Contrassegnato da tag , , , , , ,

La macchina del tempo.

Padre Ernetti e il “Cronovisore”.

La storia che mi appresto a raccontare,se non fosse suffragata da testimonianze storiche e vissuta da personaggi inconfutabilmente e realmente esistiti,potrebbe essere considerata l’archetipo delle bufale.L’argomento è quello che ha animato la fantasia di scienziati,storici,fisici e gente comune negli anni:”Il viaggio nel tempo”.

Padre Ernetti

Siamo negli anni 70 e Pellegrino Alfredo Maria Ernetti,un monaco benedettino,esorcista di fama e studioso di musica,rilascia un’intervista alla Domenica del Corriere (numero 18 del 2 maggio 1972) nella quale dà notizia di esperimenti condotti 30 anni prima, in collaborazione con altri fisici tra i quali Enrico Fermi,che avevano portato alla costruzione di una apparecchiatura denominata “macchina del tempo”.Discorrendo con il giornalista inviato del settimanale,Vincenzo Maddaloni,Padre Ernetti,dopo aver spiegato nei dettagli come era stato costruito l’apparecchio,raccontò di aver visto Mussolini arringare la folla e Napoleone Bonaparte mentre aboliva la repubblica della Serenissima.

Domenica del Corriere

Per avere un’idea sul funzionamento della macchina conviene citare la dichiarazione di Padre Ernetti stesso:” Tutta la nostra fisionomia è energia visiva che si sprigiona da noi, dalla nostra epidermide, e tutte le parole che noi diciamo sono energia sonora. Ora, ogni energia, una volta emessa, non si distrugge più semmai si trasforma, però resta eterna nello spazio aereo. Occorrono strumenti che captino queste energie e le ricostruiscano in maniera tale da ridarci la persona o l’evento storico ricercato: quindi noi avremo tutto il presente nel tempo e nello spazio”.In effetti l’apparecchio era costituito da una serie di antenne, atte a sintonizzarsi sull’ avvenimento prescelto, basato sullo stesso principio utilizzato dagli astronomi per osservare il collasso delle stelle e delle galassie, e fondato sull’ipotesi che tutto quello che accade si trasforma in onde visive, che, poiché non si distruggono, si trasformano in una fonte di energia, rimanendo in una sorta di cappa che avvolge il pianeta, eterne ed immutabili. Suono e luce , una volta prodotti, pur non essendo più riconoscibili,  diventano energia. L’uomo lascia una scia, i suoi suoni fanno lo stesso, e tramite la macchina del tempo è possibile ricomporre e rivedere il tutto. Padre Ernetti raccontò di aver assistito alla rappresentazione del Thyeste, opera di Ennio Quinto del 170 a.C., alla quale aggiunse le parti mancanti ottenute grazie alla registrazione effettuata durante la sua rappresentazione vista nel cronovisore, avvenuta al cospetto degli antichi romani presso il tempio di Apollo, situato fra il Foro e il circo Flaminio.

La macchina del tempo

Alla domanda sul perché non avesse ancora rese pubbliche le risultanze dei suoi esperimenti, Padre Ernetti rispose testualmente ” Renderemo noto tutto quando ci sarà una controprova ai nostri esperimenti.Gli americani stanno tentando anche loro di scoprire quello che noi abbiamo già scoperto. Soltanto allora, quando noi potremo confrontare i risultati delle nostre esperienze con le loro, potremo dare notizia ufficiale della scoperta.” Aggiunse che era una scoperta pericolosa “Perché toglie la libertà di parola, di azione e di pensiero infatti, anche il pensiero è una emissione di energia, quindi è captabile.Si potrà, cioè, per mezzo della macchina, sapere quello che il vicino o l’avversario pensa. Le conseguenze sarebbero due:
– o un eccidio dell’umanità
– oppure, cosa difficile, nascerebbe una nuova morale.
Ecco perché è necessario che questi apparecchi non diventino alla portata di tutti, ma restino sotto il controllo diretto delle autorità.In definitiva, mistero e silenzio sulla scoperta in attesa che i tempi siano maturi”.
Ma la parte più importante dell’ intervista,quella più sconvolgente,riguardava la visione e la registrazione avvenuta, tramite il cronovisore, della passione e della morte di Gesù Cristo.
L’ intervistatore propose a Padre Ernetti una foto di Cristo dicendogli: ” Padre Ernetti,questa è una foto di Gesù ripresa dalla vostra macchina.Lei cosa può aggiungere,che commento può fare?”
Padre Ernetti ” guardò la foto, sorrise compiaciuto e disse: Verrà il tempo in cui potrò parlare”.Una cosa che riesce difficile comprendere è l’assoluto silenzio sui fisici che avrebbero partecipato al progetto cronovisore: oltre a Fermi, Padre Ernetti confermò solamente il nome di Werner Von Braun.Sia la foto del Cristo che i frammenti aggiunti al Thyestes furono contestati e tacciati di falsità,ma Padre Ernetti non si fece trascinare nelle polemiche e,forse pressato anche dal Vaticano, si rinchiuse in un ostinato mutismo.

Il cristo

Don Borello,uno dei più animati contestatori, ha poi ammesso di aver cambiato idea su Padre Ernetti nel corso degli anni, grazie anche al contributo dato dallo stesso con una lunga lettera nella quale confermava l’esistenza sia dell’apparecchio sia delle visioni ricavate da esso : “”L’esistenza dell’apparecchio (la macchina del tempo) è una sacrosanta verità,”Che si abbia captato (con quella macchina) tante cose del passato è pure una verità;che tra queste cose captate ci sia anche l’immagine di Gesù e il Thieste di Ennio è una verità”.
Alla domanda sul dove fosse finita la macchina del tempo, Borello riferisce che Padre Ernetti l’aveva portata al Viminale per una dimostrazione, e che là era stata smontata. Alla domanda sull’attendibilità di Padre Ernetti,Don Borello risponde:”Tenendo conto che era un uomo di grande prestigio e per di più un sacerdote, che scriveva poi a un altro sacerdote e suo collega nelle ricerche scientifiche, è chiaro che non posso mettere in dubbio le sue affermazioni”. Ma la storia ha un seguito nei giorni nostri.
Padre Francois Brune, teologo francese, pubblica il testo Le nouveau mystère du Vatican (“Il nuovo mistero del Vaticano”), nel quale riprende la storia di Padre Ernetti e della sua macchina del tempo arrichendola di nuovi e inquietanti particolari, aprendo nuovi scenari futuri. Nel libro Padre Burne racconta di come sia rimasto nel corso degli anni in contatto con Ernetti,( che morirà nell’aprile del 1994), raccogliendone le confessioni e in un certo senso la sua eredità spirituale. La macchina sarebbe realmente esistita, “Non solo era già funzionante, ma era già stata “sequestrata” dal Vaticano. Padre Emetti, spaventato dall’importanza incredibile della sua scoperta, si era confidato con i propri superiori e con le autorità vaticane. C’era stata una riunione segreta con il Papa e poi, di comune accordo, la macchina era stata ritirata e nascosta in Vaticano.

Il cronovisore

A Padre Ernetti era stato imposto di non fare più pubbliche dichiarazioni su quell’argomento, ma non gli era stato proibito di parlarne con gli amici in privato e così mi confidò tutto”. Chi parla è sempre Padre Brune, questa volta in un  intervista rilasciata al settimanale Chi. . Sempre nel suo libro, rivela i retroscena della costruzione della macchina del tempo, avvenuta grazie anche all’ appoggio di Padre Gemelli dell’ università Cattolica. Il funzionamento della macchina venne verificato e sperimentato, nei modi raccontati all’inizio. Alla domanda “Esistono documentazioni di qualche tipo degli esperimenti?”, Padre Brune risponde così: “Padre Emetti mi ha detto che tutto quello che videro venne anche filmato. Nel filmato si è perduta la tridimensionalità, ma resta pur sempre un documento straordinario. Questi filmati furono poi mostrati a Papa Pio XII, ed erano presenti anche il presidente della Repubblica Italiana del tempo, il ministro dell’istruzione e vari membri dell’Accademia pontificia. Quindi molte persone hanno visto e constatato”.

Padre Brune

A quel punto sarebbe scattata una congiura del silenzio.Il Papa, membri del Vaticano e della politica, scienziati, avrebbero messo tutto a tacere, preoccupati dalle ripercussioni storiche e le ricadute sulla vita privata che l’invenzione avrebbe ottenuto. L’intervista si chiude con la domanda di rito: “Ma lei non ha nessun dubbio sull’invenzione e sul racconto di Padre Ernetti?” Lapidaria la risposta :” Nessun dubbio. Per avere dei dubbi in questo senso dovrei “calpestare” la serietà morale di un sacerdote straordinario, di uno scienziato eccezionale e di un grande amico. E io non ho nessunissimo appiglio per poter fare questo”.

Se la storia di questa incredibile macchina,può essere raccontata ,il merito va  ad Alberto Roccatano  e  le “Edizioni Andromeda” che hanno raccolto una ingente mole di documenti sul caso da me utilizzati per  questo post.

 

 

Contrassegnato da tag , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: