Archivi tag: attualità

Targhe alterne

Il Pio Sodalizio dei Piceni, proprietario del palazzetto romano di via Campo Marzio in cui nacque Il Mondo di Pannunzio, non vuole che sul muro dello stabile campeggi una targa commemorativa. «Mai nei nostri palazzi sono state poste targhe collegate alle attività degli inquilini», hanno spiegato i Pii Sodali. Per loro un’attività vale l’altra: la rosticceria o il settimanale che ha cambiato la storia del giornalismo e della cultura italiana. Meglio che l’intelligenza rimanga sotto traccia. Una sua costante esposizione al pubblico, sia pure solo sotto forma di targa, potrebbe innescare effetti indesiderati sui passanti. Di intelligenza, nei 120 metri quadri della redazione del Mondo, ne transitava obiettivamente parecchia. Il redattore capo si chiamava Flaiano. E vi circolavano a mente libera Salvemini ed Ernesto Rossi, La Malfa e Salvatorelli, Carandini e Panfilo Gentile, Einaudi e Mario Ferrara (nonno di Giuliano), i giovani Scalfari e Spadolini. La sera andavano in via Veneto ad anticipare la Dolce Vita, ma sempre a schiena dritta di fronte al potere. Quando De Gasperi espresse il desiderio di conoscere il direttore Pannunzio, quell’orgoglioso sedentario gli fece rispondere: «Io qua sto». E «qua» erano i 120 metri quadri di via Campo Marzio.
«I profeti disarmati» – così venivano chiamati gli inquilini – erano liberali, laici e intellettuali. Chissà quale dei tre epiteti avrà maggiormente preoccupato il Pio Sodalizio. Ma è giusto così, la cultura evolve. Adesso a Roma le targhe si mettono davanti alla casa del Grande Fratello.

Massimo Gramellini “La Stampa”

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

Pillola del giorno dopo:OK dei medici.

Siamo veramente addolorati per il clero (e i clericali) Italiani,ma felici per la società civile.Non deve essere un invito alla totale perdita di responsabilità e raziocinio,ma solo un’integrazione a tutti i presidi anticoncezionali.Comunque questa è la notizia ANSA:
(ANSA) – ROMA, 25 OTT – I medici hanno l’obbligo di “adoperarsi per tutelare l’accesso alla prescrizione nei tempi appropriati” della pillola del giorno dopo. La pillola (levonorgestrel) alle donne che ne facciano richiesta. E’ scritto nel documento ‘Etica e deontologia di inizio vita’, varato dal Consiglio nazionale della Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo), approvato all’unanimita’ oggi a Ferrara dai Presidenti degli Ordini Provinciali italiani dei Medici, riuniti in assemblea.


Contrassegnato da tag ,

Francia,acqua radioattiva nei fiumi.

Ma guarda un pò,proprio mentre il G8 proclama che saranno attivate 1000 nuove centrali nucleari nel mondo (con Sarkozy soggetto direttamente ed economicamente interessato) in Francia, nella centrale di Tricastin,c’è una fuga di liquidi contaminati da scorie radioattive che si riversano in due fiumi vicini : La Gaffière e l’Auzon.Naturalmente non c’è nessuna preoccupazione,ci mancherebbe.Ovviamente , e solo a scopo precauzionale, sono assolutamenta vietate nella zona l’uso di acqua potabile,la pesca e l’irrigazione.Un piccolo particolare un pò inquietante ,l’incidente è avvenuto alle 6 e trenta di ieri mattina ,ma il mondo ne ha avuto notizia solo 12 ore dopo,una prassi ormai consolidata anche in caso di incidenti nucleari assai più gravi .I trenta metri cubi di acqua dispersa al suolo conteneva ,per stessa ammissione delle autorità della centrale, dieci grammi di scorie radioattive per litro,che è una cifra impressionante e supera di di cento volte il massimo che l’impresa Socatri (gestore della centrale)  è autorizzata a disperdere in un anno intero.Secondo la commissione di ricerca e di informazione indipendente sulla radioattività ( Chirad) il rischio medico è debole ,me questo incidente mostra un degrado incontrovertibile nel trattamento delle scorie.Molto più drastici i componenti di “Sortir du nuclear” che affermano che trenta metri cubi con questa concentrazione di radioattività equivalgono a 360 kl di uranio nell’ambiente ed è impossibile che quello che è successo non abbia conseguenze sulla salute della popolazione.Non ho notato nei nostri tg un’ eccessiva attenzione su questa notizia,non la stessa che si è avuta, ad esempio, per il matrimonio di Briatore ,o per le avventure dell’orsetto Knut,ma tant’è….l’informazione è  sempre più figlia della politica e, comunque, ci propina notizie che vogliamo sentire.State tranquilli,se qualcosa sfugge alla tv o non viene adeguatamente approfondito è solo per il nostro bene ,meglio non sapere ciò che avviene a circa 160 km in linea d’aria dai nostri confini e ci potrebbe ingiustificatamente preoccupare.

Fonte “La Stampa”(Domenico Quirico) corrispondente da Parigi.

Contrassegnato da tag , , , ,

Liberata Ingrid Betancourt

Fonte:Corriere della sera.it

Colombia: liberata Ingrid Betancourt e altri 14 ostaggi

02 lug 21:14 Esteri

BOGOTA’ (Colombia) – Ingrid Betancourt e’ stata liberata con un blitz dalle forze armate colombiane. Lo ha reso noto il ministro della difesa Manuel Santos. Le teste di cuoio hanno liberato anche tre ostaggi americani e undici militari. La candidata alle presidenziali in Colombia era ostaggio dei guerriglieri delle Farc dal 23 febbraio 2002. (Agr)

Contrassegnato da tag , , ,

La Sindone.

In questi giorni è tornata alla ribalta delle cronache la “Sacra Sindone”.L’annoso problema della datazione del lenzuolo che avrebbe avvolto il corpo di Cristo è tornato in discussione.Ormai sembrava appurato,con il metodo del carbonio 14,che il telo di lino(significato greco della parola sindone)risalisse al  medioevo e in particolare al 1300,ma sono state poste alcune obiezioni che hanno messo in dubbio tutte le conclusioni raggiunte .Non sarebbero state prese in considerazione dagli studiosi gli inquinamenti dovuti sia alle esposizioni al pubblico ripetutesi negli anni ,sia i danni causati dall’incendio della cappella di Chambèry,dove si trovava,che la danneggiò nel 1532.La Sindone è lunga 4m. e 36 cm. ed alta 1 m.e 10 cm. e vi  sono impresse le immagini frontale e dorsale di un personaggio possente di circa 180 cm.,barbuto,nudo e composto per la sepoltura.Tornano attuali le varie tematiche che si scatenarono all’indomani della dichiarazione di data dopo gli esperimenti che certificarono la condizione di falso storico,ed in particolare la presenza di sangue sia arterioso che venoso (differenza sconosciuta nel medioevo),la particolarità delle prove della crocifissione (anche questa ormai sconosciuta nel 1300) e ,soprattutto,l’impossibilità,anche con i moderni mezzi a disposizione,di ripetere questo tipo di stampa su di un lenzuolo di lino.E’ stato avvolto un manichino macchiato di sangue in un telo,si è provato a dipingere con tecniche particolari altri tagli di stoffa,ma nulla di lontanamente simile alla “Sindone” è stato raggiunto.

Un immagine del Vernon Miller Brooks Institute che ricostruisce al computer il volto tridimensionale impresso nella Sindone.

L’immagine del volto fotografata in negativo.

Contrassegnato da tag , , ,

Tibet e Cina

Gengis Khan (11671227), da poco eletto capo dei Mongoli e buddista egli stesso, iniziò le campagne militari contro la Cina ed il Tibet a partire dal 1206. Dal XIII secolo, pertanto, il Tibet era annesso all’Impero Mongolo come stato vassallo. I Mongoli, invasero il Tibet nel 1207 e la Cina nel 1216, completandone l’annessione nel 1279. Tra il 1247 ed il 1350 una successione di venti Sakya Lamas governarono il Tibet, ma erano praticamente dei sovrani – fantoccio. Questo è il periodo in cui Tibet e Cina si trovano sotto lo stesso sistema politico assoggettato al governo dei mongoli. I Tibetani furono in grado di liberarsi dai mongoli nel 1358, quando Phagma Drupa (13241376) si sostituì al regime Sakya. I Cinesi fecero lo stesso dopo una decina di anni, nel 1368 quando essi riuscirono ad espellere i Mongoli dando inizio alla loro dinastia Ming (1368 – 1644). A seguito di questa annessione, l’attuale Repubblica Popolare Cinese rivendica il territorio tibetano come parte della Cina, pertanto reclama la legittimità dell’annessione del Tibet. Alcune critiche rivolte alla Cina replicano che sarebbe come se l’India rivendicasse diritti nei confronti di Myanmar (ex Birmania) in quanto in passato appartenenti entrambe all’impero coloniale britannico.”(Tratto da Wikipedia).

Alla luce di queste note storiche ,l’invasione del Tibet da parte della Cina (con distruzione di templi e monasteri e impedimento a professare il buddismo e qualsiasi altra forma di religione pena la carcerazione) è stato uno dei crimini più efferati perpetrati da uno stato verso un altro in dispregio del Diritto Internazionale.Le notizie che arrivano da Lahasa sono agghiaccianti,ma ,almeno per adesso,nessuno si azzarda a condannare la Cina per motivi sia economici che di opportunità politica.E’ veramente ipocrita e assurdo che le olimpiadi,incontro sportivo e pacifico per antonomasia,si svolgano in un paese così indegno.Nota non a margine è “l’invito” perentorio e tassativo di molti stati ai partecipanti alle gare a non affrontare per nessun motivo l’argomento Tibet per non urtare la suscettibilità dei governanti cinesi.I morti e gli incidenti a Lahasa sono causati e fomentati,secondo quest’ultimi,dal Dalhai Lama noto alle cronache come terrorista e agitprop di chiara fama.Complimenti anche a tutti quei governi,e sono molti,che si sono rifiutati di incontrarlo ufficialmente sempre per non incorrere nelle ire del nuovo colosso economico asiatico con cui tutti vogliono fare affari passando sopra a diritti umani calpestati e condizioni di lavoro inumane in nome di quello che ormai in tutto il mondo e il valore essenziale e supremo cioè quello finanziario.

Associazione Italia-Tibet(link)

Contrassegnato da tag , , , ,

500 pitone

Ieri ,quasi inconsciamente,stavo guardando il notiziario di Canale 5  e  una lacrimevole storia riguardante alcuni cani ospitati in una struttura comunale che saranno soppressi se, trascorso un anno dalla loro cattura, non saranno stati adottati,storia naturalmente condita di musica triste e commovente.Si analizzava le varie prese di posizione degli animalisti,dell’associazione protezione animali ecc.Subito dopo il notiziario variava sul frivolo e presentava un servizio sui beni di lusso.Tra questi una nuova 500 che ,si precisava allegramente anche aiutati da una musica ammiccante,era interamente ricoperta dalla pelle di trenta (30)pitoni,alcune scarpe di pelle di squalo (che quest’anno andrà anche sulle borse) ed anche una poltrona completamente in coccodrillo.Capisco che i pitoni ,i coccodrilli e gli squali sono notoriamente più inquietanti e cattivi dei cani ,ma chi ci autorizza a scegliere quali siano gli animali da uccidere con gioia e profitto e quali da difendere?Ma certo!..Ci autorizza il fatto che i cani e i gatti sono animali da compagnia gli altri no.Bisognerebbe spiegare agli squali ed ai pitoni che converrebbe anche a loro essere amici dell’uomo,per il loro bene e per non finire come scarpe borse o carrozzeria.In ogni caso vorrei conoscere il creativo che ha ideato la 500  in mostra o la mente geniale che l’ha commissionata,per sapere se sono convinti di aver migliorato il mondo con la loro performance oppure se sono coscienti di essere solamente stronzi.

Contrassegnato da tag ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: