Archivi categoria: simon portegies zwart

Alla ricerca dei Soli perduti.

Chiamiamola riunione di famiglia per stelle.Adesso è possibile ritrovare i simili del nostro Sole persi nell’universo.Una relativamente alta percentuale di stelle è nata in grappoli o assiemi e quasi mai da soli.Il Sole non sembra differire da questa regola ,le meteoriti presenti nel nostro sistema ci mostrano, con una certa evidenza, che una supernova potrebbe essere eplosa vicino al neonato Sole,inoltre le orbite dei corpi ghiacciati alla periferia del sistema solare,sembrano proprio influenzate dal passaggio di un fratello del Sole.Ma ,nei pochi ultimi bilioni di anni,questi astri hanno preso strade diverse e si sono confusi in mezzo alle miriadi di stelle delle galassie.Simon Portegies Zwart dell’Università Olandese di Amsterdam ha suggerito un modo per trovarli.Lo studioso ha stimato la dimensione e la massa dei grappoli di stelle simili al Sole fuggite 4,6 bilioni di anni.Tenendo conto di vari fattori, come il fatto che alcuni scontri  stellari  non ha impedito la formazione del nostro sistema solare, ha calcolato che il grappolo formativo misurava da 5 a 20 anni luce , ed era tra le 500 e le 3000  masse solari. Utilizzando tali informazioni ha calcolato la possibile velocità di fuga del Sole, la stessa che dovrebbero aver avuto i fratelli e le sorelle . Ha scoperto che una piccola percentuale dei simili dovrebbe essere ancora nelle nostre vicinanze cosmiche, nel Cigno e nelle costellazioni della Vela, ossia all’interno dei 300 anni luce . “E ‘molto semplice”, afferma. “Per qualche ragione, nessuno ha pensato di fare questa analisi in precedenza”. Portegies Zwart dice che basta cercare nei cataloghi esistenti  le  stelle con le stesse caratteristiche orbitali attraverso la galassia e la stessa composizione chimica del Sole per poter scoprire i suoi parenti stretti.Tuttavia, Charles Lada dell’ Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics pensa che Portegies Zwart potrebbe essere stato troppo ottimista. Nell’attraversare le nubi molecolari  gli astri simili al Sole sono stati espulsi molto più rapidamente e più lontano di quanto i calcoli abbiano previsto.Non sarà così semplice scovarli.

Contrassegnato da tag , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: