Flussi delle migrazioni umane dall’Africa

E ‘ampiamente accettato che gli esseri umani moderni abbiano avuto origine nell’ Africa sub-sahariana 150-200 mila anni fa, ma il loro percorso di migrazione attraverso il Sahara,in quel momento iperarido, rimane controverso . Dato che i primi esseri umani moderni del Sahara si trovavano ad oriente 120-90 mila anni fa , la dispersione verso nord probabilmente si è verificata durante un episodio di clima umido nel Sahara stesso ( 130-117.000 anni fa) . Il percorso di viaggio più ovvio,cioè il Nilo , può essere escluso dalle notevoli differenze tra i reperti archeologici rinvenuti nella valle del Nilo e quelli trovati ad oriente , databili al momento critico dello spostamento. Più a ovest , immagini dei radar spaziali rivelano, oggi,reti di alvei fluviali fossili,ormai sepolti,che si estendono attraverso il deserto verso la costa mediterranea e che rappresentano i corridoi di percorsi alternativi .
La prova che il Sahara non fu una barriera efficace e insormontabile è data dal numero e la varietà di animali e dagli esseri umani che popolarono il deserto durante le fasi umide del passato . Le analisi della zoogeografia del Sahara mostra che più specie di animali hanno attraversato questi percorsi utilizzandoli, oltre il corridoio Nilo. Inoltre , molte di queste specie,erano acquatiche . Questa migrazione è stata possibile perché durante il periodo umido dell’Olocene la regione conteneva una serie di laghi collegati , fiumi e delta interni composti da ampi corsi d’acqua interconnessi , che convogliavano l’acqua e gli animali in entrata e attraverso il Sahara , facilitando così i movimenti. Questo sistema era ancora attivo nel primo Olocene , quando molte specie sembrano aver occupato tutto il Sahara,anche se le specie che necessitano di acque profonde non hanno mai raggiunto le regioni settentrionali a causa di connessioni idrologiche troppo basse .I siti di sviluppo umani furono influenzati da questa distribuzione , i pescatori di fauna acquatica sahariana con fiocine di osso spinato occupano il Sahara meridionale , mentre i cacciatori con arco e frecce di fauna della Savana si diffondono a sud . La datazione dei sedimenti lacustri mostrano che il ” Sahara verde ” esisteva anche durante l’ultimo periodo interglaciale ( 125.000 anni fa ) cosicché i corridoi erbosi potrebbero aver aperto vie di migrazione, per un certo periodo,per gli esseri umani moderni dall’Africa .

human migration 3

Nonostante le prove archeo/etniche  implichino una relativamente  recente origine degli esseri umani moderni , la spiegazione dei primi episodi migratori del flusso genetico rimane incompleta .La distribuzione geografica degli aplotipi può mostrare tracce di migrazioni ancestrali . Tuttavia, tali firme evolutive possono essere cancellate facilmente da ricombinazione e perturbazioni mutazionali. La distribuzione geografica degli aplotipi contemporanei manifesta distintivi delle preistoriche migrazioni umane : uno in Oceania , uno in Asia e successivamente in America , e una terza prevalentemente in Europa .

cartina migrazioni

Tratto da http://www.pnas.org National Academy of Sciences Stanford University
Dal momento che di Stephen Oppenheimer in”The Real Eva” ha suggerito che la principale migrazione fuori dall’ Africa degli esseri umani è avvenuta attraverso la bocca del Golfo di Suez e attraverso le coste dell’Arabia , India e Sud-Est asiatico ( la “via Beachcomber ” ) , la polemica ha imperversato su l’origine degli asiatici , cioè sul fatto che sia che si siano scissi dai primi gruppi in Africa , a volte chiamati macro – aplogruppo M , negli altipiani del nord dell’Asia centrale e del Medio Oriente o altrove . Un grande progetto guidato dai cinesi ha posto fine a questa domanda . Il HUGO Pan- Asian Consorzio 40 – istituzione SNP “, ha concluso con forza che il percorso meridionale ha dato un contributo più importante all’Oriente e alle popolazioni del sud-est asiatico che la rotta del nord “. Li Jin , un genetista della Fudan University di Shanghai , in Cina è stato uno degli autori principali di uno studio riportato su Science , vol . 326 , n. 5959 , p . 1470 , che supporta una migrazione sulla rotta meridionale verso l’Asia .
I consulenti del DNA (che commercializzano i risultati genetici)hanno sempre seguito il modello di Oppenheimer dell’insediamento in Asia , ma altre aziende , tra cui il National Geographic Genographic Progetto con oltre 200.000 clienti che acquistano i loro prodotti ,li informano in modo diverso . La maggior parte delle mappe migratorie umane indicate dalle aziende del DNA e dalle notizie dei media mostrano la scissione degli asiatici dagli europei e dai nativi americani alle latitudini settentrionali dell’Asia centrale e non rappresentano un percorso ” Beachcomber ” meridionale comune a tutti.
La teoria precedentemente dominante di due grandi ondate migratorie dal Medio Oriente deve ora cedere ad una sola migrazione iniziale lungo la strada costiera delle popolazioni verso nord in Asia orientale , India e Sud-Est asiatico.
Tratto da http://www.dnaconsultants.com/

maplegend_600w

Contrassegnato da tag , , ,

2 thoughts on “Flussi delle migrazioni umane dall’Africa

  1. […] Scienze Image from Catetom99 , dove si possono trovare […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: