L’albero del Tenèrè.(L’Arbre du Ténéré/ The Tree of Ténéré)

“L’Albero del Tenèrè, conosciuto in inglese come  the Tree of Ténéré, era un acacia solitaria che un tempo era considerato l’albero più isolato sulla Terra – l’unico per oltre 400 chilometri e le sue radici avevano quasi raggiunto i 40 m di profondità nella sabbia. Lì nel deserto del Sahara, era stato una volta parte di una foresta rigogliosa , ma, con i cambi climatici,gli altri alberi scomparvero, e lui si trovò da solo in un arido deserto, a 400 chilometri da qualsiasi altro albero, un punto di riferimento isolato per vie carovaniere attraverso la regione del Sahara Ténéré in Niger per
centinaia di anni. L’albero era così noto che esso e il Perdu Arbre o ‘Lost Tree’ a nord sono i soli alberi ad essere indicati su una mappa in scala 1:4,000,000.


L’albero era sopravvissuto a centinaia di anni di desertificazione, finché un giorno nel 1973, un camionista ubriaco lo ha colpito alla base. l’Albero del Ténéré era il saluto all’Azalai,la carovana dai mille cammelli, che attraversava il deserto trasportando sale, oro e il sapere della gente.Letteralmente la parola Azalai significa “la nostalgia del ritorno”.
Quando Michel Lesourd del Servizio centrale degli affari sahariani vide l’acacia per la prima volta , nel 1939, scrisse: “Bisogna vedere l’albero per credere alla sua esistenza .Qual è il suo segreto… Come si può essere ancora vivo nonostante le moltitudini di cammelli che gli calpestano il terreno attorno? Come mai i viaggiatori dell’Azalai non fanno mangiare ai propri cammelli le sue foglie e le sue spine? Perché i numerosi Touareg che guidano le carovane del sale non hanno tagliato i suoi rami per fare il fuoco per preparare il tè? L’unica risposta è che l’albero è tabù ed è
considerato come tale da tutti. C’è una sorta di superstizione, un ordine tribale che viene sempre rispettato; ogni anno i componenti delle Azalai si riuniscono intorno all’albero prima di affrontare la traversata del Ténéré e l’Acacia è diventata una faro: il primo e l’ultimo punto di riferimento quando si lascia Agadez per Bilma, o per il ritorno.”


La regione Tenere non è sempre stato un deserto. Durante il periodo preistorico Carbonifero era il  fondo di un mare e
poi una foresta tropicale. Dinosauri hanno girovagato per la regione che è stata anche il terreno di caccia di un
coccodrillo gigantesco.

Tenere era abitata da esseri umani moderni, già nel Paleolitico circa 60.000 anni fa. Cacciavano animali selvatici e hanno lasciato testimonianze della loro presenza nella forma di strumenti di pietra. Durante il periodo Neolitico ,circa 10.000 anni fa, antichi cacciatori hanno creato incisioni rupestri e pitture che possono ancora essere trovati in tutta la regione.

Contrassegnato da tag , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: