Glozel

La vicenda di Glozel,cittadina a circa venti chilometri a sud-est di Vichy, nei pressi della D495 Cusset / Ferrieres-on-Sichon e situato tra le montagne del Bourbonnais,è molto lontana nel tempo,troppo lontana.Le testimonianze,la prove,le osservazioni dirette,sono diluite dagli anni trascorsi,perse nei meandri delle discussioni accademiche,inquinate dalle accuse di falsità e dalle invidie covate tra i vari personaggi della storia.In effetti il ritrovamento in questione avrebbe potuto (e dovuto)spazzare via il mondo della preistoria come siamo abituati a considerarlo, forse sarebbe dovuta essere la chiave che apre la porta al mistero delle origini del mondo o almeno le origini della nostra civiltà e la migrazione dei popoli.Era il 1 marzo 1924 ed Emile Fradin, diciassette anni, stava aiutando suo nonno, nella loro fattoria a Glozel,ad arare i campi con i buoi a tirare l’aratro.Improvvisamente,una delle due bestie sprofonda in una cavità che si crea con il franare del terreno.Viene alla luce,così,una specie di pozzo, rivestito di mattoni, alcuni dei quali come vetrificati da un calore intenso.La camera era piena di scaffali e nicchie contenenti molti oggetti antichi ed insoliti. C’erano parecchie ossa intagliate, una serie di corna, quelle che sembravano essere statuette di divinità primitive – simili alle’Venus’ dell’età della pietra in avanzato stato di gravidanza – e,cosa più intrigante di tutte, c’erano alcune tavolette di argilla coperte da un alfabeto sconosciuto.

Il dottor Albert Morlet, un medico nella vicina Vichy, sentì parlare dell’insolita scoperta del giovane Fradin. Morlet era vivamente interessato all’ archeologia e all’antropologia e andò perciò a visitare la fattoria Fradin il 26 aprile 1925. Fu come colpito da quello che vide e capì immediatamente quello che questa scoperta avrebbe significato per il mondo scientifico, cosicchè fece un accordo con Fradin. Secondo i termini di questo accordo, i manufatti sarebbero stati degli scopritori, ma Morlet avrebbe avuto i diritti esclusivi per la pubblicazione e la riproduzione di tutte le informazioni scientifiche associato al sito.


Il dottor Capitan, un esperto ed eminente archeologo (almeno a suo parere personale), si trova coinvolto nel misterioso ritrovamento. Dopo aver visitato il sito di Glozel scrisse con entusiasmo a Morlet: “Hai un meraviglioso ritrovameno là.Vi prego di scrivermi una relazione dettagliata delle vostre scoperte in modo che possa trasmetterla alla Commissione per i monumenti storici ” Morlet vide,però, questa richiesta sotto un’altra luce : Capitan avrebbe ottenuto la maggior parte del credito, mentre Morlet aveva fatto la maggior parte del lavoro. Morlet e le Fradin avevano altri piani, infatti dettero alle stampe un libretto dal titolo: Nouvelle Stazione Néolithique (un nuovo sito Neolitico).Purtroppo, la natura umana pone spesso formidabili ostacoli psicologici nel cammino della verità oggettiva. Sarebbe un eufemismo perciò dire che il dottor Capitan era furioso con Morlet e le Fradin colpevoli di aver snobbato la sua grande fama. La rabbia si trasformò in azione, e lo studioso non trovò nulla di meglio da fare che contestare l’autenticità del loro sito e dei suoi contenuti,arrivando ad accusare il Fradin di aver creato degli oggetti con le proprie mani!


A questi punto l’escalation della polemica era innescata;il professor Salomon Reinach di St Germain-en-Laye si disse favorevolmente impressionato dai reperti di Glozel, anche perchè confermavano la sua ipotesi che la civiltà aveva avuto origine nel bacino del Mediterraneo piuttosto che altrove. Era una teoria vagamente patriottica e molto popolare in Francia all’epoca. Lo storico Camille Jullian Morlet e si schierò con i Fradin.La controversia si approfondì quando Edmond Bayle, uno scienziato forense, pensava di aver rilevato frammenti di quello che avrebbe potuto essere erba in alcune tavolette d’argilla di Glozel. Ha espresso il suo voto contro la loro autenticità – dimenticando, forse, che un fogliame simile era stato ritrovato nei resti di mammut siberiani. Hunter Charles Rogers – con la fama di essere un noto falsario di reliquie – ha sostenuto che era stato responsabile di alcuni dei manufatti Glozel, ma poca o nessuna attenzione è stata rivolta alla sua testimonianza.


Depéret, Preside della Facoltà di Lione, di Geologia e Associate Vice President della Società Geologica di Francia ha scritto: “Non può rimanere nella mente alcun dubbio sulla genuinità geologica del posto e dei preziosi oggetti ritrovati.In questo senso la nostra dichiarazione più formale (…) Il sito di Glozel è un cimitero risalente al Neolitico estremamemte antico. (…) La presenza indiscutibile, anche se probabilmente molto rara, di una renna , in aggiunta ad altre reminiscenze degli strumenti da ricondurre ai magdaleniani mi porta ad ammettere che il deposito è vicino al Paleolitico Finale, al quale si possono rapportare sia la forma degli strumenti che le tavolette scritte. “
Joseph Loth (1847 – 1934), professore al Collège de France dal 1910, archeologo ed esperto della storia e della lingua celtica, consiglia ad Emile Fradin di installare un piccolo museo e questa è la prova che egli crede nella autenticità e l’importanza di quanto è stato scoperto nel sito.La negligenza ufficiale è caduta sul sito di Glozel, il suo inventore, che oggi ha 86 anni, e le conclusioni che si dovevano disegnare. Rimane solo l’interesse e la passione di alcuni appassionati di archeologia che pretendono la verità.
E’ tempo di riconsiderare il’ caso Glozel ‘. Gli scavi che sono stati fatti dopo l’incidente del 1 ° marzo 1924, ufficiali o meno, rivelano, con precisione, dati che sconvolsero le certezze espresse troppo spesso senza alcun senso di oggettività. Ecco, brevemente riassunte, le cause dell’anatema su Glozel e il suo inventore, che hanno poi innescato la legge del silenzio:
– La renna non doveva vivere sul territorio francese nel Neolitico, con il ritiro dei ghiacciai, sarebbe dovuta essere di nuovo al Nord.
– La scrittura in forma alfabetica, nel Paleolitico ,non esisteva ancora.
– I segni stabiliti in ordine alfabetico sono venuti dal Medio Oriente, e sono datati nel Neolitico.
Tuttavia, a Glozel, i reperti sono stati trovati nella stessa porzione di terra e, secondo alcuni protagonisti della scienza del tempo, non potevano coesistere. Erano incise su una pietra una renna e una serie di segni che assomigliano a un alfabeto.Non si capisce se gli animali incisi su vari supporti fosse stata a scopo evocativo, votivo, sciamanico, oppure se era arte per l’arte?


Nessuno, finora, è in grado di datare questo insieme con coerenza. Il carbonio-14, nonché la termoluminescenza non mettono d’accordo sulle date. Nel 1972, i tecnici della Commissione per l’energia atomica hanno analizzato gli oggetti : le tavolette risalgono dal 700 aC al 100 dC, ma alcuni oggetti d’osso risalgono al 17.000 aC . ! 17 mila anni di distanza, dal Paleolitico superiore alle guerre galliche nella stessa fossa archeologica.
L’unica certezza è che non fu una bufala, e Emile Fradin, scopritore del sito, non è stato certo un falsario.
Ciò che non è stato spesso menzionato è la dimensione delle mani che hanno modellato l’argilla. Quando si premere la mano nell’argilla malleabile, allarghiamo l’impronta della mano stessa, ma ,a essiccazione avvenuta, l’impronta mantiene una dimensione prossima a quella dell’originale. Tuttavia, a Glozel, le mani sono grandi, molto grandi, pur restando proporzionate. Esse superano gli standard di un uomo del ventesimo secolo.
Lo stesso vale per lo spessore delle ossa del cranio trovato: lo spessore è doppio rispetto a quello di un uomo d’oggi. Come il cranio, che è di un volume superiore alla media dei nostri crani stessi. Possiamo parlare di giganti o semplicemente una tribù di uomini molto alti,venuti da chissà dove,e che sarebbe finita lì, isolata, dopo un esodo di misterioso?


Ciò che rappresentano le incisioni e la loro formazione tecnica, corrispondono, anche se il disegno è molto irregolare, a quello che si sa circa il Paleolitico. Alcuni disegni assomigliano a quanto è stato fatto nella penisola iberica, il Marocco e le Canarie, così come intorno al bacino del Sahara . Tutto questo cosa significa?

Contrassegnato da tag , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: