Archivio mensile:aprile 2012

Mohenjo-Daro

Mohenjo-Daro ed Harappa sono due antiche città situate sulle rive dell’Indo e del suo affluente, il fiume Ravi, nella regione nord-occidentale del subcontinente indiano.
Esse rappresentano le prime civiltà della regione, chiamate Indo o Harappan, risalenti a circa 2500-1500 aC . Mohenjo -Daro si trova sulla riva del fiume Indo in Pakistan di oggi e fu costruita attorno al 2600 aC e abbandonata intorno al 1500 aC. E’ stata riscoperta nel 1922 da Rakhaldas Bandyopadhyay (RD Banerji),un funzionario del Survey of India, due anni dopo gli scavi più importanti che aveva cominciato ad Harappa.Fu portato al tumulo da un monaco buddista, che
credeva fosse uno stupa.Mohenjo-daro è ampiamente riconosciuta come una delle città più importanti tra le prime fondate nell’Asia del Sud e tra le Civiltà dell’Indo, eppure la maggior parte delle pubblicazioni, raramente forniscono una panoramica di questo importante sito.
Ci sono diverse grafie diverse del nome del sito e la forma più comune è Mohenjo-daro (il Tumulo di Mohen o Mohan), anche se l’ortografia di altri sono ugualmente valide: Mohanjo-daro (Tumulo di Mohan = Krishna), Moenjo-daro (Mound of the Dead), Mohenjo-daro, Mohenjodaro o anche Mohen-jo-daro. Molte pubblicazioni ancora affermano che Mohenjo -daro si trova in India (presumibilmente riferendosi all’antica India), ma dopo la creazione del Pakistan nel 1947, il sito è
stato messo sotto la protezione del Dipartimento di Archeologia e Musei, del governo del Pakistan.
Grandi scavi sono stati effettuati nel sito sotto la direzione di John Marshall, KN Dikshit, Ernest Mackay, e numerosi altri “registi” fino al 1930.


Anche se gli scavi precedenti non sono stati condotti utilizzando approcci stratigrafici o con i tipi di tecniche di registrazione utilizzate dagli archeologi moderni hanno comunque prodotto una notevole quantità di informazioni che è ancora in fase di studio da parte degli studiosi d’oggi .L’ultimo progetto di scavo presso il sito principale è stato effettuato dal compianto Dr. GF Dales nel 1964-65, dopo di che gli scavi sono stati vietati a causa dei problemi di conservazione delle strutture esposte agli agenti atmosferici.
Dagli scavi del 1964-65 l’unica ancora di salvezza, sono state le ricognizioni di superficie e progetti di conservazione concessi sul sito dalle autorità. La maggior parte di queste operazioni di salvataggio e progetti di conservazione sono stati condotti ,naturalmente,da archeologi pakistani .
Nel 1980 un’ampia documentazione architettonica, unitamente alle indagini di superficie dettagliate è stato fatto da squadre di rilevamento tedeschi e italiani guidati dal Dr. Michael Jansen (RWTH) e il Dr. Maurizio Tosi (IsMEO).Il lavoro più ampio e recente sul sito è incentrato sui tentativi di conservazione delle strutture permanenti intraprese dall’UNESCO in collaborazione con il Dipartimento di Archeologia e Musei, così come da vari consulenti stranieri.Il suo nome significa “Tumulo dei Morti”, perché il centro della città è una collinetta artificiale di circa 50 metri di altezza circondate da un muro di mattoni e fortificata con torri. Il tumulo aveva anche una vasca grande 39 per 23 metri, fiancheggiata da una grande sala a colonne, piccole stanze e un granaio, sotto si snoda la cittadella con strade in un modello di griglia orientata verso i punti cardinali.

La città è stata suddivisa in reparti in base alla loro funzione: aree per negozi, laboratori e residenze. Tutti gli edifici sono stati realizzati con mattoni cotti di dimensioni uniformi e ,oltre a pozzi privati nei cortili delle residenze individuali a due piani, c’erano anche pozzi pubblici nelle intersezioni delle strade, lo smaltimento dei rifiuti avveniva per mezzo di condutture coperte. C’era anche un cimitero dove le tombe erano ordinatamente orientate nella stessa direzione. Non c’erano palazzi o cimiteri regali.Sigilli con iscrizioni trovati a Mohenjo-Daro e le altre città dell’Indo mostrano scrittura pittografica, fino ad oggi indecifrata e i pochi personaggi che sembrano descritti sui manufatti non ci danno molte informazioni .

Così, nonostante un alto livello di cultura materiale, la civiltà dell’Indo è ancora considerata a livello preistorico. L’assenza di palazzi e cimiteri regali, la presenza di un bagno cerimoniale e grandi sale lasciano intuire che il popolo era governato da una casta di sacerdoti. L’abbondanza di piccole figurine femminili indica un culto della fertilità. L’uniforme dimensioni dei mattoni in tutta la Valle dell’Indo e nelle regioni vicine portano a considerare che un qualche tipo di governo abbia controllato l’intera area, da cui l’altro nome usato per descrivere questa civiltà, cioè”Impero dell’Indo”.A Mohenjo-Daro gli archeologi hanno scoperto una sofisticata cultura dei metalli(bronzo e rame), l’uso di ruote per fare vasi in ceramica, la tessitura di tele in cotone, il tutto vissuto sotto un ben organizzato governo municipale, e con scambi tra di loro e con altre culture ,infatti sigilli dell’Indo sono stati trovati in Mesopotamia e il lapislazzulo, una pietra semipreziosa utilizzata da artigiani dell’Indo, viene estratto in Afghanistan. Le condizioni di Mohenjo-Daro sono peggiorate intorno al 1700 aC, e ciò è dimostrato da una quantità di gioielli e oggetti preziosi sepolti, pentole e utensili abbandonati, prove di incendi e almeno 30 scheletri sparsi.

Tutto questo starebbe ad indicare che le persone sono rimaste intrappolate e sono morti o sono stati uccisi. Sia stato un disastro naturale o causato da invasori il risultato finale fu l’abbandono della città e, di conseguenza, il nome dato dai posteri alle sue rovine :Mound of the Dead . Mohenjo-Daro resta,in ogni caso, la meglio conservata delle città relative alla civiltà dell’Indo scavate fino ad oggi.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , ,

L’albero del Tenèrè.(L’Arbre du Ténéré/ The Tree of Ténéré)

“L’Albero del Tenèrè, conosciuto in inglese come  the Tree of Ténéré, era un acacia solitaria che un tempo era considerato l’albero più isolato sulla Terra – l’unico per oltre 400 chilometri e le sue radici avevano quasi raggiunto i 40 m di profondità nella sabbia. Lì nel deserto del Sahara, era stato una volta parte di una foresta rigogliosa , ma, con i cambi climatici,gli altri alberi scomparvero, e lui si trovò da solo in un arido deserto, a 400 chilometri da qualsiasi altro albero, un punto di riferimento isolato per vie carovaniere attraverso la regione del Sahara Ténéré in Niger per
centinaia di anni. L’albero era così noto che esso e il Perdu Arbre o ‘Lost Tree’ a nord sono i soli alberi ad essere indicati su una mappa in scala 1:4,000,000.


L’albero era sopravvissuto a centinaia di anni di desertificazione, finché un giorno nel 1973, un camionista ubriaco lo ha colpito alla base. l’Albero del Ténéré era il saluto all’Azalai,la carovana dai mille cammelli, che attraversava il deserto trasportando sale, oro e il sapere della gente.Letteralmente la parola Azalai significa “la nostalgia del ritorno”.
Quando Michel Lesourd del Servizio centrale degli affari sahariani vide l’acacia per la prima volta , nel 1939, scrisse: “Bisogna vedere l’albero per credere alla sua esistenza .Qual è il suo segreto… Come si può essere ancora vivo nonostante le moltitudini di cammelli che gli calpestano il terreno attorno? Come mai i viaggiatori dell’Azalai non fanno mangiare ai propri cammelli le sue foglie e le sue spine? Perché i numerosi Touareg che guidano le carovane del sale non hanno tagliato i suoi rami per fare il fuoco per preparare il tè? L’unica risposta è che l’albero è tabù ed è
considerato come tale da tutti. C’è una sorta di superstizione, un ordine tribale che viene sempre rispettato; ogni anno i componenti delle Azalai si riuniscono intorno all’albero prima di affrontare la traversata del Ténéré e l’Acacia è diventata una faro: il primo e l’ultimo punto di riferimento quando si lascia Agadez per Bilma, o per il ritorno.”


La regione Tenere non è sempre stato un deserto. Durante il periodo preistorico Carbonifero era il  fondo di un mare e
poi una foresta tropicale. Dinosauri hanno girovagato per la regione che è stata anche il terreno di caccia di un
coccodrillo gigantesco.

Tenere era abitata da esseri umani moderni, già nel Paleolitico circa 60.000 anni fa. Cacciavano animali selvatici e hanno lasciato testimonianze della loro presenza nella forma di strumenti di pietra. Durante il periodo Neolitico ,circa 10.000 anni fa, antichi cacciatori hanno creato incisioni rupestri e pitture che possono ancora essere trovati in tutta la regione.

Contrassegnato da tag , , , , ,

L’Impero dei Khmer

L’impero Khmer è stato il più grande impero del sud est asiatico, con sede in quella che ora è la Cambogia.L’impero, che si separò dal regno di Chenla nell’802 dc, ha ,di volta in volta, governato o sottomesso Laos, Thailandia e Vietnam fino al 1431. Durante la sua formazione, l’Impero Khmer ha avuto intensi rapporti culturali, politici e commerciali con Java, e poi con l’impero Srivijaya, che si trovava al di là del proprio confine meridionale .

Dopo che gli invasori Thai (Siamesi) conquistarono Angkor, la capitale Khmer fu trasferita a Phnom Penh, che divenne,naturalmente, un
importante centro commerciale sul fiume Mekong.Non esiste documentazione scritta della storia dell’Impero Khmer e la conoscenza della civiltà Khmer deriva principalmente dalle iscrizioni su pietra in molte lingue tra cui il sanscrito, il pali, il birmano, il giapponese, l’arabo , dai racconti dei mercanti cinesi e da ritrovamenti in particolari siti archeologici . La grande eredità dei Khmer è Angkor, che è stata la superba capitale durante zenit dell’impero.

Angkor testimoniava l’immenso potere dell’impero, la ricchezza e la varietà dei sistemi di credenze che hanno animato questa società.

Religioni ufficiali dell’impero furono, infatti, l’Induismo e il buddhismo mahayana, fino a quando il buddismo theravada prevalse, dopo la sua introduzione dallo Sri Lanka nel tredicesimo secolo.L’impero Khmer e’ crollato non a causa di guerre di confine o pestilenze ma per la scarsa manutenzione al suo imponente sistema idrico. A questo si e’ aggiunta anche una mutazione climatica che ha portato stagioni piu’ secche e siccitose. A questi due fattori, la civilta’
Khmer, a lungo andare non ha resistito ed è scomparsa tra il XIV e il XV secolo. Lo ha scoperto un team di ricerca internazionale dell’universita’ di Cambridge, Miami e della Florida che hanno pubblicato sui Proceedings of the National Academy of Sciences la ricostruzione del declino dell’impero, per un lungo periodo esteso,come detto, dalla Tailandia al Vietnam.

La maggior parte delle ricerche di paleoecologia sull’impero Khmer sono state fatte nel sito archeologico di Angkor, dove sorgeva una fitta rete di invasi e canali lunga un migliaio di chilometri quadrati che consentiva alla citta’ di non soccombere mai alle piogge monsoniche stagionali, ne’ alla siccita’, grazie ad un’accurata gestione delle acque raccolte e conservate in grandi bacini, noti come Baray. Da rilievi fatti nel West Baray, il piu’ ampio dei quatto invasi di Angkor, basati sui tassi di sedimentazione, densita’ dei sedimenti, composizione e colore e’ emerso che a depauperare l’impianto idrico e di conseguenza a minare la sopravvivenza nel territorio urbano e’ stato l’
impatto del clima, passato da umido a secco con periodi di siccita’ piu’ prolungati e una minore attenzione alle opere di manutenzione.Inoltre, durante il regno di Jayavarman VII, è stata costruita una rete stradale molto elaborata per rendere più agevole il trasporto di merci e truppe in tutto l’Impero, ma alcuni studiosi ritengono che queste strade hanno danneggiato i Khmer, rendendo più facile agli invasori .come gli Ayuthaya, arrivare direttamente a Angkor.

Immagini satellitari della capitale rivelano come sia stata il più grande pre-industriale centro pre-industriale urbano di tutto il mondo, più grande della New York di oggi.

Contrassegnato da tag , , , , ,

Kepler e Venere

Clikka sulla foto per ingrandire…

Contrassegnato da tag , , ,

Satellite scomparso

MERIS image before loss of contact
Immagine MERIS prima della perdita del contatto

Envisat – servizio interrotto

13 Aprile 2012
Dopo 10 anni di servizio, Envisat ha smesso di inviare dati a Terra. Il centro di controllo ESA della missione sta lavorando per ristabilire il contatto con il satellite.

Nonostante questa importante missione abbia raddoppiato la sua permanenza in orbita rispetto al progetto iniziale, ESA spera di tenere il satellite in funzione almeno fino al lancio dei suoi successori, le missioni Sentinel.

Il primo segnale di anomalia si è avuto l’8 aprile quando il contatto con il satellite si è perso inaspettatamente, bloccando la ricezione di qualsiasi tipo di dato mentre passava sopra la stazione di terra di Kiruna, in Svezia.

Il team ESA di controllo della missione ha dichiarato un’emergenza sul satellite ed ha immediatamente chiesto il supporto di altre stazioni di terra ESA nel resto del mondo. È stato subito composto un gruppo di specialisti delle operazioni e delle dinamiche di volo, e di ingegneri.

In uno sforzo congiunto, il gruppo di recupero, che includeva esperti dalle industrie, ha passato i giorni seguenti a cercare di ristabilire le comunicazioni con il satellite.

Mentre è certo che Envisat si trova in un’orbita stabile intorno alla Terra, gli sforzi per ristabilire il contatto con il satellite non hanno avuto finora successo.

Una commissione sta investigando le cause dell’interruzione nelle comunicazioni, come da pratica standard.

Envisat ha ecceduto il pianificato periodo di vita di ben cinque anni per adesso. Da quando è stato lanciato nel 2002, questo straordinario satellite ha orbitato la Terra oltre 50.000 volte, inviando migliaia di immagini e un’infinità di dati da studiare per comprendere il nostro pianeta in evoluzione, confermandosi come uno straordinario successo scientifico nell’osservazione della Terra dallo spazio.

ASAR image before loss of contact
Immagine ASAR prima della perdita del contatto

A bordo di Envisat, il più complesso satellite di osservazione della Terra al mondo, 10 sofisticati strumenti che hanno fornito informazioni chiave sulle nostre terre, sui nostri oceani, su ghiacci ed atmosfera. Combinati con i dati ricevuti dalle missioni ERS dal 1991, Envisat ha fornito misurazioni precise sui cambiamenti climatici degli ultimi 20 anni.

Oltre 400 progetti in 70 Paesi diversi sono stati supportati dai dati di Envisat. I dati archiviati continueranno ad essere disponibili per gli utenti.

Un accordo con l’Agenzia Spaziale Canadese (Canadian Space Agency) su Radarsat sarà attivato per dare modo di continuare a servire alcuni utenti e soddisfare le loro richieste nel caso il problema con Envisat persista.

Volker Liebig, Direttore ESA dei Programmi di Osservazione della Terra, ha detto “L’interruzione del servizio Envisat dimostra che il lancio dei satelliti Sentinel GMES, che rimpiazzano Envisat, diventa urgente”. La prima della nuova serie di missioni Sentinel per il programma GMES (Global Monitoring for Environment and Security – monitoraggio globale per l’ambiente e la sicurezza) è pronto per il lancio il prossimo anno.

Le missioni Sentinel forniranno i dati necessari ai servizi di informazione per migliorare la gestione dell’ambiente, capire e mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici e assicurare la sicurezza civile

Contrassegnato da tag , ,

Glozel

La vicenda di Glozel,cittadina a circa venti chilometri a sud-est di Vichy, nei pressi della D495 Cusset / Ferrieres-on-Sichon e situato tra le montagne del Bourbonnais,è molto lontana nel tempo,troppo lontana.Le testimonianze,la prove,le osservazioni dirette,sono diluite dagli anni trascorsi,perse nei meandri delle discussioni accademiche,inquinate dalle accuse di falsità e dalle invidie covate tra i vari personaggi della storia.In effetti il ritrovamento in questione avrebbe potuto (e dovuto)spazzare via il mondo della preistoria come siamo abituati a considerarlo, forse sarebbe dovuta essere la chiave che apre la porta al mistero delle origini del mondo o almeno le origini della nostra civiltà e la migrazione dei popoli.Era il 1 marzo 1924 ed Emile Fradin, diciassette anni, stava aiutando suo nonno, nella loro fattoria a Glozel,ad arare i campi con i buoi a tirare l’aratro.Improvvisamente,una delle due bestie sprofonda in una cavità che si crea con il franare del terreno.Viene alla luce,così,una specie di pozzo, rivestito di mattoni, alcuni dei quali come vetrificati da un calore intenso.La camera era piena di scaffali e nicchie contenenti molti oggetti antichi ed insoliti. C’erano parecchie ossa intagliate, una serie di corna, quelle che sembravano essere statuette di divinità primitive – simili alle’Venus’ dell’età della pietra in avanzato stato di gravidanza – e,cosa più intrigante di tutte, c’erano alcune tavolette di argilla coperte da un alfabeto sconosciuto.

Il dottor Albert Morlet, un medico nella vicina Vichy, sentì parlare dell’insolita scoperta del giovane Fradin. Morlet era vivamente interessato all’ archeologia e all’antropologia e andò perciò a visitare la fattoria Fradin il 26 aprile 1925. Fu come colpito da quello che vide e capì immediatamente quello che questa scoperta avrebbe significato per il mondo scientifico, cosicchè fece un accordo con Fradin. Secondo i termini di questo accordo, i manufatti sarebbero stati degli scopritori, ma Morlet avrebbe avuto i diritti esclusivi per la pubblicazione e la riproduzione di tutte le informazioni scientifiche associato al sito.


Il dottor Capitan, un esperto ed eminente archeologo (almeno a suo parere personale), si trova coinvolto nel misterioso ritrovamento. Dopo aver visitato il sito di Glozel scrisse con entusiasmo a Morlet: “Hai un meraviglioso ritrovameno là.Vi prego di scrivermi una relazione dettagliata delle vostre scoperte in modo che possa trasmetterla alla Commissione per i monumenti storici ” Morlet vide,però, questa richiesta sotto un’altra luce : Capitan avrebbe ottenuto la maggior parte del credito, mentre Morlet aveva fatto la maggior parte del lavoro. Morlet e le Fradin avevano altri piani, infatti dettero alle stampe un libretto dal titolo: Nouvelle Stazione Néolithique (un nuovo sito Neolitico).Purtroppo, la natura umana pone spesso formidabili ostacoli psicologici nel cammino della verità oggettiva. Sarebbe un eufemismo perciò dire che il dottor Capitan era furioso con Morlet e le Fradin colpevoli di aver snobbato la sua grande fama. La rabbia si trasformò in azione, e lo studioso non trovò nulla di meglio da fare che contestare l’autenticità del loro sito e dei suoi contenuti,arrivando ad accusare il Fradin di aver creato degli oggetti con le proprie mani!


A questi punto l’escalation della polemica era innescata;il professor Salomon Reinach di St Germain-en-Laye si disse favorevolmente impressionato dai reperti di Glozel, anche perchè confermavano la sua ipotesi che la civiltà aveva avuto origine nel bacino del Mediterraneo piuttosto che altrove. Era una teoria vagamente patriottica e molto popolare in Francia all’epoca. Lo storico Camille Jullian Morlet e si schierò con i Fradin.La controversia si approfondì quando Edmond Bayle, uno scienziato forense, pensava di aver rilevato frammenti di quello che avrebbe potuto essere erba in alcune tavolette d’argilla di Glozel. Ha espresso il suo voto contro la loro autenticità – dimenticando, forse, che un fogliame simile era stato ritrovato nei resti di mammut siberiani. Hunter Charles Rogers – con la fama di essere un noto falsario di reliquie – ha sostenuto che era stato responsabile di alcuni dei manufatti Glozel, ma poca o nessuna attenzione è stata rivolta alla sua testimonianza.


Depéret, Preside della Facoltà di Lione, di Geologia e Associate Vice President della Società Geologica di Francia ha scritto: “Non può rimanere nella mente alcun dubbio sulla genuinità geologica del posto e dei preziosi oggetti ritrovati.In questo senso la nostra dichiarazione più formale (…) Il sito di Glozel è un cimitero risalente al Neolitico estremamemte antico. (…) La presenza indiscutibile, anche se probabilmente molto rara, di una renna , in aggiunta ad altre reminiscenze degli strumenti da ricondurre ai magdaleniani mi porta ad ammettere che il deposito è vicino al Paleolitico Finale, al quale si possono rapportare sia la forma degli strumenti che le tavolette scritte. “
Joseph Loth (1847 – 1934), professore al Collège de France dal 1910, archeologo ed esperto della storia e della lingua celtica, consiglia ad Emile Fradin di installare un piccolo museo e questa è la prova che egli crede nella autenticità e l’importanza di quanto è stato scoperto nel sito.La negligenza ufficiale è caduta sul sito di Glozel, il suo inventore, che oggi ha 86 anni, e le conclusioni che si dovevano disegnare. Rimane solo l’interesse e la passione di alcuni appassionati di archeologia che pretendono la verità.
E’ tempo di riconsiderare il’ caso Glozel ‘. Gli scavi che sono stati fatti dopo l’incidente del 1 ° marzo 1924, ufficiali o meno, rivelano, con precisione, dati che sconvolsero le certezze espresse troppo spesso senza alcun senso di oggettività. Ecco, brevemente riassunte, le cause dell’anatema su Glozel e il suo inventore, che hanno poi innescato la legge del silenzio:
– La renna non doveva vivere sul territorio francese nel Neolitico, con il ritiro dei ghiacciai, sarebbe dovuta essere di nuovo al Nord.
– La scrittura in forma alfabetica, nel Paleolitico ,non esisteva ancora.
– I segni stabiliti in ordine alfabetico sono venuti dal Medio Oriente, e sono datati nel Neolitico.
Tuttavia, a Glozel, i reperti sono stati trovati nella stessa porzione di terra e, secondo alcuni protagonisti della scienza del tempo, non potevano coesistere. Erano incise su una pietra una renna e una serie di segni che assomigliano a un alfabeto.Non si capisce se gli animali incisi su vari supporti fosse stata a scopo evocativo, votivo, sciamanico, oppure se era arte per l’arte?


Nessuno, finora, è in grado di datare questo insieme con coerenza. Il carbonio-14, nonché la termoluminescenza non mettono d’accordo sulle date. Nel 1972, i tecnici della Commissione per l’energia atomica hanno analizzato gli oggetti : le tavolette risalgono dal 700 aC al 100 dC, ma alcuni oggetti d’osso risalgono al 17.000 aC . ! 17 mila anni di distanza, dal Paleolitico superiore alle guerre galliche nella stessa fossa archeologica.
L’unica certezza è che non fu una bufala, e Emile Fradin, scopritore del sito, non è stato certo un falsario.
Ciò che non è stato spesso menzionato è la dimensione delle mani che hanno modellato l’argilla. Quando si premere la mano nell’argilla malleabile, allarghiamo l’impronta della mano stessa, ma ,a essiccazione avvenuta, l’impronta mantiene una dimensione prossima a quella dell’originale. Tuttavia, a Glozel, le mani sono grandi, molto grandi, pur restando proporzionate. Esse superano gli standard di un uomo del ventesimo secolo.
Lo stesso vale per lo spessore delle ossa del cranio trovato: lo spessore è doppio rispetto a quello di un uomo d’oggi. Come il cranio, che è di un volume superiore alla media dei nostri crani stessi. Possiamo parlare di giganti o semplicemente una tribù di uomini molto alti,venuti da chissà dove,e che sarebbe finita lì, isolata, dopo un esodo di misterioso?


Ciò che rappresentano le incisioni e la loro formazione tecnica, corrispondono, anche se il disegno è molto irregolare, a quello che si sa circa il Paleolitico. Alcuni disegni assomigliano a quanto è stato fatto nella penisola iberica, il Marocco e le Canarie, così come intorno al bacino del Sahara . Tutto questo cosa significa?

Contrassegnato da tag , , , ,

Il Giardino dei Tarocchi (Tarot Garden)

ll Giardino dei Tarocchi è un parco artistico situato in località Garavicchio, nei pressi di Pescia Fiorentina, frazione comunale di Capalbio (Grosseto) in Toscana, ideato dall’artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle è popolato da statue ispirate alle figure degli arcani maggiori dei tarocchi.Le statue “mosaico” sono state costruite sulla tenuta di Carlo e Nicola Caracciolo ed Il progetto è stato ispirato, in parte, da Gaudì autore del famoso Parco Güell, un’altra scultura/giardino architettonico, che si trova a Barcellona.


Niki de Saint Phalle,il cui vero nome era Catherine Marie-Agnès Fal de Saint Phalle, nasce a Neuilly-sur-Seine in Francia il 29 ottobre 1930, da padre francese e madre americana. Dopo il crack del 1930, il padre perse la sua fortuna e Niki de Saint Phalle andò a vivere negli Stati Uniti con la famiglia. Iniziò la sua vita professionale come modella per le riviste Vogue, Life ed Elle e a diciotto anni fuggì con Harry Mathews sposandolo nel 1949.
Influenzata da Hugh Weiss, inizia a dipingere degli oli e delle gouache, diventando famosa grazie al suo primo progetto, “I Tiri”: i visitatori erano invitati a sparare con la carabina su delle sacche di colore per schizzare alcune sculture di gesso.In seguito diventa membro dei “Nouveaux Réalistes”, crea poi le sue Nanas (ragazze) che illustrano il ruolo della donna, queste bambole diventano un riferimento nella sua carriera.
Nel 1952 va a Parigi per studiare teatro. Visita il Sud della Francia, la Spagna e l’Italia.
Dopo essere stata ricoverata in ospedale, nel 1953, per una depressione, Niki trova rifugio nel suo lavoro e viene esortata a continuare a sviluppare il suo stile da numerosi artisti.
Il percorso artistico di Niki de Saint Phalle è stato influenzato da artisti quali Antonio Gaudí, Paul Klee, Henri Matisse, Pablo Picasso e Henri Rousseau.
Di ritorno a Parigi incontra Jean Tinguely e inizia con lui una collaborazione,infatti realizzano insieme, tra giugno e settembre del 1966, Hon/Lei, una scultura lunga 28 metri che rappresenta una donna stesa con le gambe aperte piegate. Quest’opera è esposta al Moderna Musset di Stoccolama e i visitatori possono entrare all’interno per scoprire delle stanze.
Per evadere una commessa del governo francese in occasione dell’expo’67, Niki de Saint Phalle e Tinguely creano il Paradiso fantastico.
Si separa da Harry Mathews e nel 1971 sposa Jean Tinguely, anch’egli divorziato da poco. La loro collaborazione artistica dà vita a numerosi progetti: Il Ciclope à Milly-la-Forêt, la Fontana Stravinsky a Parigi, la Fontana Château-Chinon e Il Giardino dei Tarocchi in Italia.


Nel 1996 Niki de Saint Phalle inzia Gila, una casa-giocattolo per bambini, costruita a San Diego.
Successivamente le ferrovie svizzere ricorrono a Niki de Saint Phalle per realizzare una scultura per la stazione di Zurigo, L’angelo protettore nel 1997. Un anno più tardi, Il Giardino dei Tarocchi viene ufficialmente aperto.
In occasione dell’Expo 2000, Niki inizia il restauro di una grotta ad Hannover trasformando radicalmente questo luogo in un’autentica opera d’arte. Il cantiere inizierà nel corso del 2001 per concludersi nel 2003.
Muore il 21 maggio 2003, all’età di 71 anni,a La Jolla in California, in seguito a una malattia respiratoria legata ai materiali che utilizzava per il suo lavoro
Il nipote Bloum Cardenas, l’assistente / collaboratore Marcelo Zitelli e il consulente tecnico Lech Juretko ,così come gli altri membri del suo staff internazionale, sovraintendono ai lavori finali dei progetti Escondido ed Hannover per assicurarsi che soddisfino le sue specifiche. La mostra, Da Matthews a Niki Niki De Saint Phalle, si apre presso il Museo Sprengel.


Nel Giardino dei Tarocchi sono rappresentate le 22 carte dei Tarocchi (Arcani maggiori) in ciclopiche sculture, alte circa 12/15 metri, ricoperte di mosaici in specchio, vetro pregiato e ceramiche. Durante la visita incontriamo: “Il Mago” con la sua mano ricoperta di piccole tessere di specchi, sotto “la sacerdotessa” con una bocca con cui la scultrice ha voluto fare un omaggio al giardino di Bomarzo da cui fuoriesce una piccola cascata di acqua che scivola su dei gradini ricoperti di sfoglie di ceramica, finendo in una fontana dove al centro si muove la ruota della fortuna con i suoi getti d’acqua. ,
Vicino troviamo la carta della forza, rappresentata da una figura femminile che, con un guinzaglio invisibile, predomina la forza brutale di un drago ricoperto di un manto di specchio verde.
“il Sole” a forma di uccello posato su un arco, “la Morte,” che cavalca un cavallo con una falce nella mano, il Diavolo, “il Mondo,” “il Folle,” “ il Papa”.


La carta dell’Impiccato è posta all’interno dell’albero della vita, più avanti c’è “la Giustizia,” una figura femminile con all’interno una macchina che rappresenta l’ingiustizia, bloccata da un cancello con un grosso lucchetto; “gli Innamorati” rappresentata da Adamo ed Eva in un simpatico pik nik.
Troviamo poi “L’Eremita,” “la Torre e “l’Imperatore,” che è rappresentato da un castello dove all’interno è sorretto da diverse colonne rivestite con mosaici in specchio e ceramiche.
Scopriamo anche scene di caccia, draghi, uomini feriti e una fontana che rappresenta la lussuria, con delle donne che giocano con l’acqua.
La carta “dell’Imperatrice” è a forma di sfinge, dove all’interno c’è un gran salone, un bagno e una piccola stanza da letto; in questo luogo ha vissuto e lavorato per diverso tempo l’ideatrice del progetto.
All’interno vi sono anche “il Carro,” “la Stella,” “il Giudizio.”
Infine “la Luna” e “la Temperanza”,quest’ultima posta sopra una chiesina internamente rivestita di specchio e un altarino con sopra una Madonna negra in ceramica.


Attraverso le parole di Niki de Saint Phalle cerchiamo di conoscere e comprendere la forza e la passione che animavano l’artista.
“L’ingrandimento dei miei modelli è stato fatto con un occhio perfettamente medievale, da Jean Tinguely e Doc Winsen. Tutte le armature monumentali delle sculture sono state fatte con tondini di acciaio saldati, piegati a mano con le ginocchia dai componenti della squadra. Il primo equipaggio che ha saldato le statue nel giardino era composto da Jean Tinguely, Rico Weber e Seppi Imhof che hanno costruito la Sfinge, la sacerdotessa Alta e il Mago.
Il Papa è stato avviato da Doc Winsen e finito da Jean Tinguely, ed è sempre stata la scultura di Jean preferita di tutto il giardino. La seconda metà del Giardino dei Tarocchi, il Castello dell’Imperatore, il Sole, il Drago (la Forza), e The Tree of Life (L’Impiccato) sono stati saldati da Doc Winsen, un artista olandese. Doc è stato assistito da Tonino Urtis.


Poi venne Ugo, il postino, che ha iniziato facendo sentieri di pietra, e poi si è specializzato a mettere la rete metallica sulle strutture in acciaio per il cemento. In seguito Ugo iniziò a chiedermi di provare la sua abilità a mettere gli specchi sulle sculture. In breve è diventato un poeta a mettere gli specchi. Lui ha sempre avuto paura che,un giorno,non ci sarebbe più stato lavoro,cosicchè ho fatto la promessa solenne che avrei fatto in modo che ci fosse sempre stato qualcosa di nuovo da fare ogni anno, e se fossi stata a corto di idee, avrei fatto costruire la Grande Muraglia Cinese intorno al giardino in modo che occuperà diverse generazioni per essere finita.
Una volta che le armature d’acciaio erano finite e la rete metallica era stesa , queste erano pronte per essere spruzzate con il cemento . Le sculture poi aveva uno sguardo malinconico, con una certa bellezza triste. Il mio scopo, tuttavia, era di fare un giardino di gioia. Le finiture del cemento fu poi fatta ,a mano, da Marco Iacotonio, un giovane molto bello e difficile.
All’inizio ho scelto Tonino Urtis per essere al capo della ciurma, anche se non aveva esperienza ed era stato un elettricista . Ho sempre usato il mio istinto nelle mie scelte, non il cervello, e molto spesso queste scelte mi hanno dato ragione. Ho poi chiesto a Ricardo Menon, il mio assistente personale, collaboratore e grande amico che era venuto con me da Parigi, di trovarmi una ceramista. Pochi giorni dopo Ricardo mi presentò Venera Finocchiaro. Venera sarebbe diventata la ceramista del giardino. Si è immersa totalmente nel lavoro. Ha vissuto in giardino e soddisfatto la mia richiesta di fare cose nuove con la ceramica ,cose che non erano mai state fatte prima. La magnifica opera che ha prodotto parla da sé. Ha parecchi assistenti, quelli principali sono Paola, Patrizia e Gemma.”

Il Giardino dei Tarocchi
GIORNI ED ORARI DI APERTURA

Apre il 1 aprile
Chiude il 15 ottobre
Orari di apertura 14:30-19:30
PREZZI DEI BIGLIETTI

Prezzo intero      € 12,00
Tariffa ridotta     € 7,00
Studenti                € 7,00
Over 65 anni       € 7,00
Meno di 7 anni gratis
Disabile gratis
Gli studenti devono presentare la prova valida della loro qualifica di studente.
GRUPPI

Gruppi di 25 o più persone possono beneficiare del tasso ridotto (€ 7,00) al momento della prenotazione più di 10 giorni in anticipo via e-mail: tarotg@tin.it fax: 0564 895700

Al momento della prenotazione, si prega di indicare:
– Data e ora di arrivo.
– Numero di persone nel gruppo.
– Contatto telefonico / fax e un indirizzo email

Orario di visita per gruppi

Nov-Mar 08:00-04:00 (e non Sabato e domenica, festivi pubblici e dal 22 dicembre al 7 gennaio)
1 aprile – 15 ottobre 14:30-19:30

Contrassegnato da tag , ,

Monolite misterioso su Marte

Alcuni astronomi amatoriali hanno scoperto un oggetto veramente intrigante che si trova sulla superficie di Marte. La struttura , che si trova anche nelle immagini NASA del Pianeta Rosso, è ,in apparenza ,perfettamente rettangolare ed ha una sorprendente somiglianza con i monoliti piantati sulla Terra e la Luna dagli alieni nel classico film di fantascienza “2001:. Odissea nello spazio”.

Contrassegnato da tag , , ,

“Crooked Forest” o “Foresta degli alberi curvi”

Image

In un piccolo angolo della Polonia occidentale vicino a  Czarnow New, quattro chilometri da Gryfina, nei pressi della centrale elettrica “Dolna Odra” c’è una foresta di circa circa 100  pini che si sviluppano in una zona di circa 0,30 ettari e che crescono con una curva di 90 gradi alla base dei loro tronchi , tutti piegati verso nord. Circondato da una foresta più grande di pini normalmente dritti questo bosco di alberi curvi, o “Foresta Crooked”, è un mistero.Piantati intorno al 1930, gli alberi devono essere stati costretti a crescere per 7 /10 anni premuti alla base, da cosa non è dato sapere,ma sicuramente c’è stato l’intervento umano. L’arco di curvatura orizzontale varia in lunghezza da uno a tre metri. Sopra l’arco il pino sale verso l’alto dritto. Gli alberi nonostante la loro età sono relativamente bassi, non sono molti  quelli che superano 15 metri di altezza. Guardando i tronchi si può notare che i primi nodi sono molto vecchi e questo sta a significare che agli alberi giovani sono stati tagliati i rami laterali.  Perché degli agricoltori avrebbero voluto tanti alberi storti è,però, inspiegabile.

Contrassegnato da tag , ,

La prima centrale elettrica solare al mondo che produce elettricità di NOTTE

Traduzione a cura della redazione di coscienza.org – Erica Dellago

Ecco una buona notizia sul fronte dell’energia solare. La principale debolezza del solare consiste nella sua incapacità di produrre di notte. Questo nuovo impianto sembra avere superato questo limite.

Un ringraziamento a Judy Tart.
Stephan A. Schwartz

Fonte: Mail (UK)
Ha l’aspetto di un gigantesco progetto artistico. Ma questo simmetrico modello circolare di pannelli a specchio è la prima centrale al mondo di energia solare che produce energia elettrica durante la notte.

La Centrale Elettrica Gemasolar nei pressi di Siviglia nel Sud della Spagna è costituita da un incredibile numero di pannelli, 2.650, distribuiti su 185 ettari di terreno rurale.

Gli specchi – noti come eliostati – concentrano il 95 percento della radiazione solare su un gigantesco ricettore al centro dell’impianto.


Vive di notte: la centrale elettrica solare Gemasolar nei pressi di Siviglia ha un incredibile numero di pannelli, 2.650, distribuiti su 185 ettari di terreno rurale.

Il calore fino a 900C° viene utilizzato per riscaldare i serbatoi dei sali fusi, che generano vapore per alimentare le turbine della centrale da 260 milioni di sterline inglesi.

Ma, a differenza di tutte le altre centrali di energia solare, il calore immagazzinato in questi serbatoi può essere rilasciato con un’autonomia massima di 15 ore durante la notte o durante i periodi senza luce solare.

Il sole regolare nel Sud della Spagna significa che l’impianto può quindi funzionare durante la maggior parte delle notti, garantendo la produzione di energia elettrica per un minimo di 270 giorni all’anno, fino a tre volte più di altre energie rinnovabili.
Per costruire il progetto, una joint venture tra la società di energia Masdar di Abu Dhabu e la società di ingegneria spagnola SENER chiamata Torresol Energy, ci sono voluti due anni e un costo pari a 260 millioni di sterline inglesi.

E’ prevista produrre 110 GWh /all’anno di elettricità – sufficienti per alimentare 25.000 case nella regione dell’Andalusia.


La centrale elettrica è stata ultimata il mese scorso. I suoi specchi – noti come eliostati – concentrano il 95 percento della radiazione solare su un gigantesco ricettore al centro dell’impianto. Il calore immagazzinato può essere rilasciato con un’autonomia massima di 15 ore durante la notte o durante i periodi senza luce solare.

Miguel Domingo, portavoce della SENER, ha detto: “Il completamento della costruzione e l’avviamento della centrale Gemasolar nei tempi e nel budget previsti rappresentano una pietra miliare per la SENER”.

“Attualmente, la SENER è l’unica azienda al mondo che ha sviluppato e costruito un impianto commerciale che sfrutta la tecnologia dei sali fusi e un’unica torre centrale come ricettore, e che ha già iniziato a funzionare”.

Enrique Sendagorta, presidente della Torresol Energy, ha aggiunto: “La standardizzazione di questa nuova tecnologia significherà una reale riduzione dei costi di investimento per gli impianti solari.

“L’operazione commerciale di questo impianto aprirà la strada ad altri impianti con torre centrale come ricettore e tecnologia dei sali fusi, un sistema efficace e efficiente che migliora la dispacciabilità di energia elettrica da fonti rinnovabili”.


Il calore fino a 900C° viene utilizzato per riscaldare i serbatoi dei sali fusi, che generano vapore per alimentare le turbine della centrale da £260millioni di sterline inglesi.

Contrassegnato da tag , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: