Il pozzo di Oak Island


Ci possiamo solo chiedere che cosa sarebbe accaduto se il giovane Daniel McGinnis avesse scelto di andare ad esplorare qualche altra zona in quel fatidico giorno, nell’estate del 1795. Se lo avesse fatto, forse, nessun altro avrebbe camminato nei boschi all’estremità orientale di Oak Island per i  214 anni a venire. Nella foresta,  una depressione nel terreno di 4 metri forse non sarebbe mai stata notata, molto probabilmente rami frondosi avrebbero  oscurato il vecchio blocco che faceva da tappo al di sopra della buca. Senza queste indicazioni, non ci sarebbe stato nulla ad evidenziare che quello era un lavoro dell’uomo e, di conseguenza,non sarebba iniziata quella caccia al tesoro che,in più di 200 anni, è costata diverse fortune e molte vite.
Ma McGinnis vide la strana composizione , la depressione ed aggredì il blocco. Visioni del tesoro del pirata  riempirono la sua testa; tornò con due amici, John Smith, 19 anni, e Anthony Vaughan, 16 anni  e insieme, con pale e picconi,  iniziarono forse la più famosa caccia al tesoro dei tempi moderni.
Indubbiamente, i tre  pensarono che erano sul punto di scoprire il tesoro del capitano William Kidd. Storie riguardanti il fatto che il capitano avesse sepolto il suo tesoro  su un’isola  “ad est di Boston”  circolavano già nel 1600. La leggenda narra che un marinaio morente nelle Colonie della Nuova Inghilterra  confessò di aver fatto  parte del famoso  equipaggio di Kidd, ma non   nominò mai  una posizione esatta del bottino nascosto.

L’isola di McGinnis è a forma di arachide ed è circa 1200metri di lunghezza per 1000 metri di larghezza.  Smith e Vaughan  abitavano in una delle 300 piccole isole nella  Mahone Bay, Nova Scozia, Canada.
Dopo aver tagliato  i piccoli alberi per lavorare meglio, i tre giovani iniziarono a scavare la depressione. Dopo 60 cm colpirono un piano di pietre. Tolte queste scorsero il pozzo vero e proprio,le cui  pareti  erano state segnate dai colpi di piccone, una ulteriore prova che questa struttura era realizzata dall’uomo.
A 3 metri di livello sentirono rumore di legno e furono sicuri di aver urtato  lo scrigno del tesoro, ma si resero rapidamente conto che avevano trovato una piattaforma di tronchi di quercia affondati verticalmente. . Continuando a scavare, raggiunsero la profondità di 8 metri. A tale profondità decisero che non potevano continuare senza  aiuto e senza migliorare l’organizzazione del lavoro. Di una cosa  i tre erano certi… qualcosa ci doveva essere in fondo a quella maledetta buca, nessuno si sarebbe preso  la briga di scavare un pozzo profondo oltre 8 metri a meno che non avesse avuto qualcosa di molto prezioso da nascondere.
Non molto  fu  fatto per risolvere il mistero della buca fino al 1802 circa. Molte storie riguardano i tre amici in quegli anni, sembra probabile,però, che abbiano trascorso il tempo alla ricerca di un finanziatore che  fornisse assistenza per una ricerca più professionale. Simeone Lynds visitò il luogo e ,colpito dalla storia, formò una società per sostenere lo scavo.
Il lavoro fu avviato nell’estate del 1803. Dopo la pulizia del vecchio pozzo, la squadra iniziò a scavare verso il basso. La storia dice che colpirono un altra  piattaforma di quercia a 30 metri sotto la superficie.Continuando a scavare continuarono a trovare qualcosa ogni 3 metri: carbone, stucco, pietre e più piattaforme . Infine, a 25 o 28 metri di livello,  seconda una delle tante storie riportate ,fu rinvenuta  una tavola do pietra, di tre metri di lunghezza per 50 cm di larghezza, con strane lettere e cifre intagliate. A 30 metri di profondità, il pavimento della buca cominciò a trasformarsi in fango morbido. Prima della fine della giornata  gli scavatori sondarono  il fondo del vano con pali con la  speranza di trovare qualcosa e in effetti colpirono una barriera alla distanza della pertica. Il gruppo immaginò di aver finalmente raggiunto il tesoro e se ne andò a letto con la convinzione che l’indomani sarebbe stata una giornata fortunata.
Ritornando il giorno dopo, la squadra restò allibita…:  durante la notte l’acqua aveva riempito la buca con 20 metri di acqua. Tentare lo svuotamento fu  inutile. Non appena l’acqua era tolta dalla buca, scorreva veloce a riprendere il suo posto. Si tentò di scavare un pozzo vicino per raggiungere il tesoro attraverso  un tunnel parallelo che arrivasse sotto la buca allagata, ma anche quello fu invaso dall’acqua appena il tunnel si avvicinò al suo obiettivo.

Non fu fatto nessun altro tentativo di trovare il tesoro fino al 1849. Una nuova società fu costituita per finanziare lo scavo. Questo gruppo non ebbe molto successo,  si verificarono gli stessi problemi del 1802.Furono però avvantaggiati dall’utilizzo  di un trapano per sondare ciò che c’era al di sotto del piano della buca . Una piattaforma fu  costruita  appena al di sopra del livello di acqua e il trapano fu gestito da lì. Il trapano praticò un foro attraverso livelli che parevano di quercia, abete rosso e creta. Fu recuperato un campione di ciò che sembrava essere un pezzetto di un catenina d’oro.
Mentre si stava effettuando la  perforazione , qualcuno notò che l’acqua nella buca era salata e calava con la marea. Ciò portò all’ipotesi che i costruttori del pozzo avessero concepito un abile trappola, progettata per alluvionare la buca con l’acqua, se qualcuno si fosse avvicinato  troppo al tesoro.
L’esistenza della trappola  è stata confermata dalla scoperta che la spiaggia di Smith’s Cove, situata a circa 500 metri di distanza dalla buca, è artificiale. L’esame ha dimostrato che l’originale  creta della baia era stata scavata via e al suo posto sono state messe pietre rotonde di spiaggia, coperte da quattro o cinque pollici di  erba secca, coperta poi con  fibra di cocco per lo spessore di due pollici e, infine, la sabbia della spiaggia. In fondo a tutto questo sono state trovati cinque scarichi di fognature che, da qualche parte della costa,si fondevano in un unico tunnel che copriva la distanza tra la spiaggia e la buca. Il sistema è stato progettato in modo tale che la fibra di cocco e l’ erba secca garantissero un operazione di filtraggio cosicchè gli scarichi non  sarebbero stati  intasati dalla sabbia o dalla ghiaia della spiaggia. Aveva funzionato bene.Si tentò allora di costruire una paratoia che bloccasse lo scorrimento sotterraneo dell’acqua ,ma, dopo infruttuosi tentativi ,anche questa volta, il pozzo del tesoro fu abbandonato.

Il  tentativo seguente è datato 1861  ed è costato la prima vita umana prima. I ricercatori  cercarono di togliere l’acqua dal pozzo  usando pompe azionate da un motore a vapore .  Lo scoppio di una caldaia fu fatale ad un lavoratore ustionato a morte, mentre molti altri furono feriti. Altre vittime sono state evitate, quando una parete,probabilmente per una cattiva armatura della  fossa, indebolita anche dai tentativi di arrivare al tesoro scavando fino sotto di altri alberi, è crollata. Se vi fossero stati scrigni del tesoro, inevitabilmente sono stati trasportati molto più in  profondità dopo questo incidente. In questo periodo degli  scavi si riuscì a scoprire dove le inondazioni del tunnel  entravano , ma non fu trovato  alcun modo per far cessare l’ingresso dell’acqua. Nel 1864 le ricerche furono sospese per mancanza di fondi.
Nel 1866, 1893, 1909, 1931 e 1936 sono stati avviati ulteriori scavi. Sono stati utilizzati anche metodi estremi, compreso l’utilizzo della dinamite  per bloccare l’inondazione della galleria, la costruzione di una diga per arginare l’acqua di Smith’s Cove, e il ricorso a una gru con un secchio di scavo.Con nessuno di questi approcci è stata recuperata una sola moneta, mentre ai finanziatori questi sforzi sono costati una piccola fortuna  e a un lavoratore la sua vita. Uno di questi tentativi ha prodotto il risultato di bloccare l’inondazione della galleria da Smith’s Cove, solo per scoprire che entrava  acqua anche dalla  direzione opposta, attraverso un canale sotterraneo naturale o fabbricato dall’uomo arrivando anche dalla sponda meridionale.. Nel 1959 Robert Restall, ex motociclista , ha raccolto la sfida del pozzo con l’aiuto di suo  figlio diciottenne e 2 aiutanti.In quel periodo la buca era relativamente asciutta ,ma quando si sono calati sono rimasti intossicati dal monossido di carbonio. Quel giorno il mistero di Oak Islannd ha preteso il tributo di 4 vite

Nel 1965 Robert Dunfield ha cercato di applicare i moderni metodi di estrazione a cielo aperto per la caccia al tesoro. Utilizzando  una gru da  70-tonnellate ha scavato  vicino al sito originale una buca profonda 140 metri con 100 metri di diametro. Il terreno rimosso  è stato attentamente vagliato per trovare qualsiasi traccia del tesoro, ma sono stati trovati solo pochi frammenti di stoviglie in porcellana . Le forti piogge hanno fatto trascinare  il lavoro per mesi fino a che anche Dunfield ha finito i soldi. Il pozzo, e il suo misterioso costruttore, avevano vinto di nuovo.
Nel 1970  è stata costituita la Triton Alliance per proseguire la ricerca per il tesoro. Battaglie legali tra i proprietari delle diverse porzioni di isola ha portato a scarsi progressi. Un certo numero di fori sono stati fatti nel tentativo di trovare il tesoro e capire meglio la natura geologica di tutta l’isola, ma non  è stato recuperato il fantomatico oro. Molte caverne, ritenute  naturali, sono state trovate sotto l’isola. Una videocamera è stata calata  attraverso un foro in uno   spazio vicino al pozzo ed ha registrato un immagine che sembrava un petto e una mano umana a livello del polso. La qualità delle immagini era così scarsa, però, che era impossibile l’identificazione certa.

Nel 1995 la Triton ha proposto  al Woods Hole Oceanographic Institute di indagare sull’isola  e rendere,così, un parere in merito alla possibilità che vi sia qualcosa di prezioso in fondo alla buca.  La loro relazione in risposta è riservata,ma le persone che l’hanno vista possono solo dire che le sue conclusioni sono “non scoraggianti”. Attualmente un po ‘di lavoro è stato fatto per risistemare l’isola, e le controversie tra i proprietari della Triton sono stati risolti.Il mistero del pozzo di Oak Island resta però lontano da ogni soluzione.

Annunci
Contrassegnato da tag , ,

2 thoughts on “Il pozzo di Oak Island

  1. eliseablues ha detto:

    molto interessante questo post
    come tutto il tuo blog
    un saluto
    eli

  2. carloprimo ha detto:

    In fondo a quel pozzo qualcosa deve pur esserci, altrimenti per quale motivo qualcuno ha lavorato per allestire una così ingegnosa opera idraulica?
    Una vera trappola per sommergere il pozzo con l’acqua del mare in caso qualcuno violasse il nascondiglio.
    Provate ad immaginare quei “tizi” avrebbero scavato il pozzo, depositato il materiale, poi risalendo avrebbero man mano ricoperto e posato tronchi fibra di cocco e quant’altro, inoltre ogni tot metri avrebbero scavato i fossi-trappola diretti al mare, considerando che questi man mano sarebbero stati anche attivi, ed ogni canale proprio per evitare allagamenti durante la costruzione doveva avere una diga…

    • Avete idea di quanta terra avrebbero rimosso e scavato?
    • Chi ha costruito il “pozzo dei soldi”?
    • Cosa vi hanno nascosto?

    E facile capire che quel qualcuno impedisce il recupero del tesoro- materiale sepolto anche a se stesso.
    Quel Materiale sarà irrecuperabile a chiunque.
    Pertanto penso che il materiale sia non spendibile non commerciabile.
    Chi per paura dei ladri nasconderebbe e renderebbe irrecuperabile i propri averi anche a se stesso?
    Credo che qualunque oggetto sia stato nascosto sarà una cosa che deve restare irrecuperabile a chicchessia.
    Qualcosa forse estremamente pericolosa per chiunque.
    …. O no?.!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: