Archivio mensile:luglio 2008

Knockin’ On Heaven’s Door-Bob Dylan


Bob Dylan

                                        Knockin’ On Heaven’s Door

Mama, take this badge off of me       

I can’t use it anymore.
It’s gettin’ dark, too dark to see
I feel like I’m knockin’ on heaven’s door.

Knock, knock, knockin’ on heaven’s door
Knock, knock, knockin’ on heaven’s door
Knock, knock, knockin’ on heaven’s door
Knock, knock, knockin’ on heaven’s door

Mama, put my guns in the ground
I can’t shoot them anymore.
That long black cloud* is comin’ down
I feel like I’m knockin’ on heaven’s door.

Knock, knock, knockin’ on heaven’s door
Knock, knock, knockin’ on heaven’s door
Knock, knock, knockin’ on heaven’s door
Knock, knock, knockin’ on heaven’s door

 

Bussando Alle Porte Del Cielo Mama, toglimi questo distintivo
non posso più usarlo
si sta facendo scuro, troppo scuro per vedere
mi sembra di bussare alle porte del cielo

Knock knock busso alle porte del cielo
Knock knock busso alle porte del cielo
Knock knock busso alle porte del cielo
Knock knock busso alle porte del cielo

Mama, metti le mie pistole per terra
non posso più sparare
quella lunga nuvola nera sta scendendo
mi sembra di bussare alle porte del cielo

Knock knock busso alle porte del cielo
Knock knock busso alle porte del cielo
Knock knock busso alle porte del cielo
Knock knock busso alle porte del cielo

 

Annunci

Fitzcarraldo

Directed by Werner Herzog  1982                         

Klaus Kinski

Produced by Werner Herzog
Renzo Rossellini
Walter Saxer
Willi Segler
Lucki Stipetic

 


Written by Werner Herzog
Starring Klaus Kinski
Claudia Cardinale
Music by Popol Vuh

Klaus Kinski

Chi sogna può spostare le montagne.  (Fitzcarraldo)

 

Se questa è la soluzione !

Mappa dei siti destinati alla costruzione di piccole centrali  A prescindere dai piccoli incidenti agli impianti nucleari francesi che,secondo il ministro Scaiola,sono stati volutamente enfatizzati e concordando sul fatto che i 100 operai ultimamente esposti a radiazioni non hanno subito nessun danno,anzi…vi voglio proporre alcune risposte dell’ingegnere nucleare Stefano Monti dell’Enea che chiarisce i tempi di costruzione delle centrali nucleari,i costi e i sistemi di stoccaggio dei rifiuti nucleari.Alla luce delle frasi dell’intervista lascio a voi verificare se questo è il modo per risolvere i problemi energetici.Calcolate che da qui a 15 anni ,molto probabilmente,esisteranno modi nuovi e diversi per produrre Kilowattora,ma noi ,come sempre,arriveremo quando gli altri saranno già partiti per altri lidi.In ogni caso qualcuno con la costruzione ( o meno) delle nuove centrali,con le concessioni,con gli espropri,con le commesse,con i subappalti ci guadagnerà un mare di soldi.Magari non risolveremo il problaema del petrolio,ma nuovi yatch solcheranno i nostri mari,naturalmente a benzina.

Quanto inquina una centrale nucleare? Come si pensa di risolvere il problema dei rifiuti radioattivi?
L’inquinamento prodotto da una centrale nucleare deriva principalmente dalla gestione dei rifiuti radioattivi. L’emissione di radioattività nell’ambiente circostante durante il normale funzionamento di un impianto nucleare è irrilevante, in quanto inferiore al fondo naturale e non esistono emissioni di altra natura.
Per dare la dimensione del problema dei rifiuti radioattivi, ogni anno vengono prodotti circa 40.000 m3 di rifiuti radioattivi (90 cm3 per persona) nell’Unione Europea a 25, dove l’energia nucleare contribuisce per circa il 33% del fabbisogno complessivo di energia elettrica. La maggior parte di questi (circa 36.000 m3 per anno) sono rifiuti a bassa e media attività, la cui radioattività decade a valori trascurabili nel giro di qualche secolo. La quantità rimanente (circa 4.000 m3 per anno) è rappresentata da rifiuti ad alta attività e lunga vita, la cui radioattività impiega da migliaia a centinaia di migliaia di anni per decadere a valori trascurabili. Per l’isolamento di questi rifiuti in un lasso di tempo così ampio è necessario ricorrere a barriere naturali, come le formazioni geologiche ad elevata profondità (600-800 metri e oltre), che devono presentare adeguate caratteristiche di stabilità e impermeabilità, in grado di assicurare l’isolamento del rifiuto dalla biosfera per periodi paragonabili all’età del giacimento, solitamente milioni di anni. Presentano queste caratteristiche i giacimenti salini e argillosi e alcuni tipi di rocce granitiche. Nell’Unione Europea si discute da tempo della possibilità di individuare un sito geologico comune, ma il discorso è ancora a uno stadio preliminare per motivi prevalentemente di consenso pubblico…

Quanto costa costruire una centrale nucleare?
Il costo medio attuale di una centrale nucleare è di circa 2000-2200 euro/kWe installato, ovvero il costo in conto capitale di una centrale da 1000 MWe è di circa 2 miliardi di euro. Il costo dell’EPR da 1600 MWe (il reattore europeo di III Generazione fornito dalla franco-tedesca Areva) è di 3 miliardi di euro.

Quanto tempo è necessario per realizzare una centrale nucleare?
Gli attuali reattori di III Generazione (AP1000 Westinghouse, EPR Areva) hanno un tempo di costruzione di circa 50 mesi. Ma va tenuto conto che prima della costruzione è necessario acquisire alcune autorizzazioni alla costruzione e alla messa in funzione. Questi tempi non sono univocamente definiti per cui ci si può riferire a casi concreti recenti, quali quello finlandese e britannico. In Finlandia il processo decisionale per la realizzazione di un nuovo impianto nucleare implica sei successivi stadi, che vanno dalla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) per la costruzione ed esercizio dell’impianto al rilascio di una licenza di esercizio da parte del Governo. Nel caso del nuovo impianto EPR (Olkiluoto 3), l’iter è iniziato nel 1998 con il lancio della VIA da parte delle utility interessate (a quel tempo erano ancora in ballo due possibili siti), ha attraversato il suo culmine con l’approvazione della nuova centrale da parte del Governo nel maggio del 2002 (la licenza alla costruzione è stata poi rilasciata nel 2005) e si concluderà nel 2010-2011 con la messa in funzione dell’impianto: complessivamente 13-14 anni. Il governo britannico, ad inizio 2008, ha annunciato la costruzione di 8 centrali nucleari di III Generazione. In quell’occasione, John Hutton, business secretary del governo britannico, ha affermato: “I hope the first new reactor would be in service well before 2020”; peraltro, il target di EDF di mettere in rete il primo impianto nel 2017 è giudicato dalla stesso governo “brave”. È dunque realistico attendersi che in un Paese con lunga e ininterrotta tradizione di ricorso all’energia nucleare e di gestione dei rifiuti radioattivi e con ben 19 impianti nucleari in esercizio la messa in rete del primo impianto di III generazione avvenga non prima di una decina di anni da oggi.

Mappa dei siti destinati alla costruzione di grandi centrali

SVEGLIA!!

Sogno di una notte di mezza estate.William Shakespeare

PUCK

If we shadows have offended,

Think but this, and all is mended,

That you have but slumber’d here

While these visions did appear.

And this weak and idle theme,

No more yielding but a dream,

Gentles, do not reprehend:

if you pardon, we will mend:

And, as I am an honest Puck,

If we have unearned luck

Now to ‘scape the serpent’s tongue,

We will make amends ere long;

Else the Puck a liar call;

So, good night unto you all.

Give me your hands, if we be friends,

And Robin shall restore amends.


Una stella esplosa 2000 anni fa

 Questa immagine del telescopio spaziale Hubble è relativa ad una esplosione cosmica ed è molto simile ai fuochi d’artificio sulla Terra. Nell’angolo in alto a destra dell’immagine si vede la Piccola Nube di Magellano che è una struttura delicata ed incandescente in un turbinio di lavanda e pesca. Nelle vicinanze, una stella massiccia è esplosa  ed ha cominciato a dissolvere la sua massa interna in una spettacolare giostra di filamenti colorati.La supernova nota come “E0102” è il verde-blu che caratterizza l’insieme di detriti appena al di sotto del centro della immagine di Hubble. Il suo nome deriva dalle coordinate del suo collocamento nella sfera celeste. Più formalmente conosciuta come 1E0102.2-7219, è situata circa 50 anni luce di distanza dal bordo della stella massiccia N 76, nota anche come Henize 1956, nella Piccola Nube di Magellano.Poichè e stato determinato che i resti della supernova E0102 sono relativamente giovani e cioè risalgono a soli 2000 anni fa,questo ha consentito agli astronomi di esaminare direttamente il materiale del nucleo di enormi stelle. Ciò, a sua volta, dà un’idea su come queste si formino , la loro composizione chimica e la dinamica  della zona circostante. Le tracce recenti sono un ottimo strumento didattico per capire meglio la fisica delle esplosioni di una supernova.La Piccola Nube di Magellano è una galassia nana vicina alla nostra Via Lattea ed è visibile nell’emisfero australe, in direzione della costellazione del Tucano, distante da noi  circa 210000 anni-luce.

Contrassegnato da tag , ,

Tricastin,non è la prima volta!

Le notizie sconcertanti continuano ad arrivare.L’ultima risale ad un paio di giorni fa: a pochi kilometri di distanza dalle centrali sono stati ricontrati alti tassi di uranio  in alcuni pozzi privati e falde freatiche.Si tratta di 64 microgrammi per litro contro i 15 ammessi dall’Oms per dichiarare potabile l’acqua.Secondo la “Criirad”,commissione indipendente di ricerca sulla radiattività,la contaminazione sarebbe dovuta alla presenza di 700 tonnellate di scorie sepolte sotto appena 4 metri di terra.La radiottività a due kilometri dalla centrale non può certo essere  imputabile allo sversamento nei fiumi di qualche giorno fa.Le scorie sono ciò che resta dell’arricchimento dell’uranio per scopi militari ,arricchimento che sfiora il 90 per cento ben oltre quello per usi civili che è intorno al 3 per cento.Già nel 2002 la commissione aveva riscontrato livelli di radiottività abnormi nel sito di Tricastin,ma ,andando più indietro,nel 1987 ci fu una fuga di esafluoruro di uranio che alzò il livello di radiottività nell’aria a 130 bequerel per metro cubo,quando il dato normale è di 0,00001,nel 1991 si verificò uno sgocciolamento di nitrato d’uranio sulla ferrivia della Sogema e non più di un anno fa furono trovati valori abnormi di tritio e carbonio 14.Il direttore del Criirad, l’ingegnere nucleare Bruno Chareyron,alla luce di questi fatti ha dichiarato:”Non si può parlare di un rischio immediato,ma di rischi nel lungo periodo per la popolazione di contrarre tumori,quello sì”.

Fonte “La Stampa”(Francesco Spini)

Qui non si tratta di essere a favore o contro l’energia nucleare,qui si tratta di vivere o morire; certo,il dilemma è limitato alle popolazioni che “vivono” vicino alle centrali…speriamo di non essere noi ( e per noi intendo tutti quelli che stanno leggendo,i propri figli,gli amici,i genitori…)

Contrassegnato da tag ,

Dante Alighieri,immagini e frasi.

Dante Alighieri-Giotto (Vespignano, 1267 – Firenze, 8 gennaio 1337)

 

Nel mezzo del cammin di nostra vita

mi ritrovai per una selva oscura

ché la diritta via era smarrita.

Ahi quanto a dir qual era è cosa dura

esta selva selvaggia e aspra e forte

che nel pensier rinova la paura!

Tant’è amara che poco è più morte;

ma per trattar del ben ch’i vi trovai,

dirò de l’altre cose ch’i’ v’ho scorte.

Dante Alighieri (Firenze 1265-Ravenna 13 Settembre 1321)(Inferno-Canto I)

Dante e Beatrice -Sandro Botticelli (Firenze, 1 marzo 1445 – Firenze, 17 maggio 1510)

Ne li occhi porta la mia donna Amore,
per che si fa gentil ciò ch’ella mira;
ov’ella passa, ogn’om ver lei si gira,
e cui saluta fa tremar lo core,
sì che, bassando il viso, tutto smore,
e d’ogni suo difetto allor sospira:
fugge dinanzi a lei superbia ed ira.
Aiutatemi, donne, farle onore.
Ogne dolcezza, ogne pensero umile
nasce nel core a chi parlar la sente,
ond’è laudato chi prima la vide.
Quel ch’ella par quando un poco sorride,
non si pò dicer né tenere a mente,

sì è novo miracolo e gentile.
Dante Alighieri (Vita nuova, cap. XXI)

Paradiso perduto-Gustav Dorè (Strasburgo, 6 gennaio 1832 – Parigi, 23 gennaio 1883)

“… Non vogliate negar l’esperienza
di retro al sol, del mondo sanza gente.
Considerate la vostra semenza
fatti non foste a viver come bruti
ma per seguir virtute e canoscenza”

Dante Alighieri ( Divina Commedia, Inferno canto XXVI, 116-120)

 

Contrassegnato da tag , , , , ,

Save Darfur

Save Darfur: Bring Genocide to Justice

The International Criminal Court (ICC) has indicted Sudan’s President Omar Al Bashir for genocide. He is charged with killing tens of thousands of people in Sudan and its Darfur region, and overseeing the systematic rape of surviving women and girls.Now, Bashir’s regime is threatening more terror against Darfurians and the UN, and appealing for protection from powerful international friends who buy oil from and sell weapons to Sudan.

Al Bashir knows that he will be caught only if other governments, especially Arab and African governments, agree to help the International Criminal Court. To make sure this happens, Avaaz is launching a large regional ad campaign, urging the leaders of these nations to save Darfur by helping the ICC.

Tramonto su Marte

Il 19 maggio 2005 il Rover della NASA Spirit ha catturato questa stupenda immagine del Sole che sta scomparendo  al di sotto del bordo del cratere Gusev su Marte. Questa foto panoramica  (Pancam) è in realtà un mosaico ed è stata presa circa alle 6:07 di sera del 489 giorno marziano, o sol, del Rover. A Spirit è stato comandato di rimanere sveglio brevemente dopo l’invio dei dati  alla sonda orbitale Mars Odyssey appena prima del tramonto. Questo piccolo panorama del cielo occidentale è stato ottenuto utilizzando una Pancam’s 750-nm, 530-nm e 430 nm-con filtro di colore. Questo filtro permette una combinazione di false immagini a colori  che sono simili a ciò che un umano vedrebbe, ma con i colori leggermente esagerati. Poiché Marte è più lontano dal Sole rispetto alla Terra, il Sole stesso è solo  i due terzi delle dimensioni che ci appare in un tramonto visto dalla Terra. Il terreno in primo piano è la roccia a sperone “Jibsheet”,   che   Spirit ha  analizzato per diverse settimane ( le tracce del rover sono debolmente visibili fino al Jibsheet). Il pavimento del cratere Gusev è visibile in lontananza, e il Sole tramonta dietro la sua parete a circa 80 km  in lontananza.

Questo mosaico è l’ennesimo esempio di una  scena sublime dal suolo marziano ed inoltre porta anche all’acquisizione di alcune importanti informazioni scientifiche. In particolare,le immagini del tramonto e del crepuscolo  sono acquisite dalle squadre scientifiche per determinare come dell’ atmosfera marziana la polvere e le nubi di ghiaccio siano parte integrante. Altre immagini hanno dimostrato che il bagliore del crepuscolo rimane visibile per un massimo di due ore prima dell’alba e dopo il tramonto. Il lungo crepuscolo marziano (rispetto a quello della Terra) è causato dal riflesso della luce solare che colpisce  la polvere in alta quota dispersa nel lato notturno del pianeta.I tramonti marziani sono simili alle albe ed ai tramonti che a volte si verificano sulla Terra quando piccoli granelli di polvere  sono proiettati da potenti eruzioni vulcaniche nell’atmosfera.Questa immagine è risultata la più votata dai visitatori del sito della Nasa.

Contrassegnato da tag , , , ,

Ancora Tricastin

Photobucket

Funzionamento in estrema sintesi di una centrale nucleare.

A Tricastin dopo lo sversamento nei due fiumi chiusa la centrale delle perdite.”L’Autorità della sicurezza nucleare” (Asn) si è decisa,dopo le rassicurazioni della prima ora ,a trovare un colpevole e questo è la Socatri,società di gestione della centrale.Quindi è colpa delle inadempienze e degli errori umani il piccolo inconveniente e il sistema resta sicuro e indiscutibile .Sono prontamente scomparsi gli accenni sul fatto su tutte le televisioni nazionali e i politici si sono guardati bene dal commentare l’accaduto.Il processo di normalizzazione sta continuando con i prossimi ritiri dei divieti di balneazione,pesca e utilizzo delle acque dei fiumi interessati dai 75 kilogrammi di uranio fuoriuscito,pare,da un serbatoio bucato!L’impianto in questione è stato bloccato,anche perchè era già previsto un ammodernamento dello stesso.Le asssociazioni antinucleari francesi,considerate dei veri menagrami nel paese del nucleare “sicuro”,non si sono affatto accontentate e pare che vogliano denunciare l'”Asn” per “occultamento di informazioni”.Inoltre “Sortir du Nuclèaire”sostiene che,sempre nei pressi di Tricastin, 750 tonnellate di scorie sono state sotterrate per 30 anni in assoluta illegalità sotto un cumulo di terra di 15000 metri cubi soggetto a infiltrazioni ed erosioni d’acqua che provocherà ,giocoforza,perdite di materiale radioattivo.La responsabilità di tutto ciò sarebbe ,sempre per gli antinuclearisti,della Areva,cui fa capo la Socatri,un vero gigante dell’energia nucleare,che ha dichiarato la perfetta legalità del deposito in questione.A voi i commenti.

Fonte “La Stampa” (Domenico Quirico corrispondente da Parigi)

Il deposito di scorie radiottive sito nelle Yucca Mountain (USA)costato in sede di progettazione 8 miliardi di dollari e con una spesa prevista per la realizzazione di 60 miliardi di dollari…semplice ed economico.Un’ idea da girare ai governanti fautori del ritorno al nucleare.

Contrassegnato da tag , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: