Archivio mensile:giugno 2008

Tacito-La morte di Seneca

Tacito

Annales, liber XV, 62 – 63

Gli ultimi istanti di Seneca

… Dopo riflessioni di tal genere, che sembravano rivolte a tutti indistintamente, stringe fra le braccia la moglie e, inteneritosi alquanto, malgrado la forza d’animo di cui dava prova in quel momento, la prega e la scongiura di contenere il suo dolore e di non renderlo eterno, ma di trovare, nella meditazione di una vita tutta vissuta nella virtù, un decoroso aiuto a reggere il rimpianto del marito perduto. Paolina invece afferma che la morte è destinata anche a sé e chiede la mano del carnefice. Seneca allora, per non opporsi alla gloria della moglie, e anche per amore, non volendo lasciare esposta alle offese di Nerone la donna che unicamente amava: «Ti avevo indicato» le disse «come alleviare il dolore della vita, ma tu preferisci l’onore della morte: non mi opporrò a questo gesto esemplare. Possa la fermezza di una morte così intrepida essere pari in te e in me, ma sia più luminosa la tua fine.» Dopo di che il ferro recide, con un colpo solo, le vene delle loro braccia. Seneca, poiché il corpo vecchio e indebolito dal poco cibo lasciava fuoriuscire lentamente il sangue, taglia anche le vene delle gambe e dei polpacci; e, stremato dalla intensa sofferenza, per non fiaccare col proprio dolore l’animo della moglie, e per non essere indotto a cedere, di fronte ai tormenti di lei, la induce a passare in un’altra stanza. E, non venendogli meno l’eloquenza anche negli ultimi momenti, fece venire degli scrivani, cui dettò molte pagine che, divulgate nella loro forma testuale, evito qui di riferire con parole mie.

Jacques-Louis David n. 1748, Parigi, m. 1825, Bruxelles.

Olio su tela 1773

Contrassegnato da tag , ,

Parco eolico Scansano

Per chi volesse visitare il “Parco eolico di Scansano” ecco un piantina per trovarlo agevolmente.Nelle vicinanze si può vedere numerosi piccoli paesi veramente caratteristici e, mentre sarete circondati dalle splendide colline toscane sorseggiando ,magari,un bicchiere di”Morellino di Scansano”,controllerete  personalmente l’impatto ambientale.

Contrassegnato da tag ,

William Klein-Henry Cartier-Bresson

Due modi per vedere la vita: attraverso le canna di una pistola,da un buco in un telo…quando il fotogramma diventa un set per descrivere il mondo.

Brussels 1932- Henry Cartier-Bresson

Pistola Broadway and 103 rdST-William Klein

Contrassegnato da tag , , , ,

Buco nero nella galassia M81

Il più grande dei buchi neri  divora energia come il più piccolo, secondo i dati di  Chandra e   dei telescopi da terra. Questa scoperta supporta le implicazioni della relatività di Einstein inerenti alla teoria che i buchi neri di tutte le dimensioni hanno proprietà simili, e sarà utile per prevedere le proprietà di una eventuale nuova classe di buchi neri.

La conclusione viene da una grande campagna di osservazione della galassia a spirale M81, che è a circa 12 milioni di anni luce dalla Terra. Nel centro di M81 c’è un buco nero che è di circa 70 milioni di volte più grande del Sole, e genera energia e radiazioni nello stesso modo come attrae il gas nella regione centrale della galassia  ad altissima velocità.

La foto in alto è composta dai colori dei raggi X messi in evidenza  da Chandra (blu,nel riquadro piccolo i dettagli),da quelli mostrati dal telescopio spaziale Hubble (verde),  dagli infrarossi  dati dallo Spitzer Space Telescope (rosa) e dagli ultravioletti ripresi  da GALEX (viola).

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Grace Slick

 

Ero solo un ragazzo,ma la voce di Grace Slick mi entrò dentro come un coltello  nel burro e fu amore al primo ascolto.Adoravo i Jefferson Airplane,ma (solo adesso lo ammetto) unicamente perchè c’era lei che gli americani chiamavano,un pò volgarmente ,ma con precisione descrittiva,”La voce dell’utero”.La perfezione fu,per me,l’album solista(anche se aiutata a piene mani dai Jefferson)”Manhole”.Se  non l’avete mai ascoltato,trovatelo e godetevelo.Grace è insuperabile.Cosa non trascurabile(capitava spesso)solo dopo qualche tempo vidi come era realmente l’oggetto dei miei desideri “musicali” e non fui certamente deluso…

Theme From The Movie “MANHOLE”
 

Sometimes it’s easy to believe it
Sound may be the warmest thing he’s found
He just starts playing, then he says to me:
“Ready your body for love, there is no gravity here”
Look up – the roof is gone and the long hand moves
Right on by the hour.
Look up – the roof is gone
The roof is gone, the roof is gone

La musica de espana es para mi como Ia libertad
Canta como si la libertad es suiyo
Convenir resuena para escapar
Escuche viento norte escuche
Como corneta nevada corneta cantar.
Alrededor vient oriente vient oriente
Enroyar disenroyar
Querdas que gritan
Querdas que cantan

Spanish wind keeps telling me
How it feels to sing free
It keeps blowing on me, and it’s showing me
Another way, another way to listen.
And if you hear, if you hear the wind singing like
Someone singing for your love
The more it sings the more you know
Horns and strings and time will show you
Show – show you, show you freedom

Como libertad – if it sounds good, when you hear him
If he looks good, when you see him
If he feels like a good man, when you touch him
When you come near him
I keep thinking about the way
You keep appearing in my ear

Spanish wind keeps telling me
How it feels to sing free
It keeps blowing on me, and it’s showing me
Another way, another way to listen.
And if you hear, if you hear the wind is singing like
Someone singing for your love
The more it sings the more you know
Horns and strings and time will show you
Show – show you, show you freedom

Como libertad – if it sounds good, when you hear him
If he looks good, when you see him
If he feels like a good man, when you touch him
When you come near him
I keep thinking about the way
You keep appearing in my ear

Viento del sur suena como carne caliente en tambor
Carne en carne pero viento oeste resuena
Como alas metalicas
Giralda vena demonstrando el camino
Lamentando se por Ia noche.
La rueda de yairro hierro en frente del sol.
Quatro pedasos de metal con puntas.
Corta el aire corta el cielo la hentes compelados para delatar
Resonar resonar escapar

And if you hear, if you hear
The singing silver wind
Fly, sailing, sailing human bird – fly into me
Look up – the roof is gone
And the long hand moves right, on right on by the hour
Look up the roof is gone
Look up again the roof is gone

Listen – the north wind sounds like freezing horns
Sailing through the east wind – and the east wind
Has winding unwinding strings
South wind sounds like skin on drums,
Skin on skin but the west wind,
Ah the west wind echoes like metal wings
Like a weathervein whining through the night
Iron wheel turns in front of the sun,
Four pronged metal cuts the sky.
Man must fly!
Man must fly!

Convenir resuena escapar – escapar
Convenir resuena escapar – escapar

If he wants to leave and follow
The sound of the wind
He’s going to sing as it blows.
Let him go.
He’ll make the long faces smile
He’ll turn the dead air into sound.
He’ll come back on the circle
He’s not gone, he’s just going around
Oh going around, ooh ooh around

Don’t tie him down, he wants to run
Give him the sun.
Don’t tie him down, he wants to run
Give him the sun.
And if you see – you think that man is going to leave
You can follow him but he’s already gone

Don’t tie her down, she wants to run
Give her the sun.
Don’t tie her down, she wants to run
Give her the sun.
And if you see – You think that woman is going to leave
You can follow her, but she’s already gone.

Don’t tie me down I want to run
Give me the sun.
Don’t tie me down I want to run
Give me the sun.
And if you see – You think I’m just about to leave,
You can follow me
But I’m already gone.

Don’t tie her down, she wants to run
Give her the sun.
Don’t tie her down, she wants to run
Give her the sun.
And if you see – You think that woman is going to leave
You can follow her, but she’s already gone.

Don’t tie me down I want to run
Give me the sun.
Don’t tie me down I want to run
Give me the sun.
And if you see – You think I’m just about to leave,
You can follow me
But I’m already gone.

GIVE ME THE SUN

Contrassegnato da tag ,

Acqua su Marte

Questa immagine di scavo spedita da Phoenix è servita agli scienzati della Nasa per affermare che su Marte c’è ghiaccio d’acqua.Possiamo notare che rispetto alla fotografia di sol  (giorno marziano) 20 in quella di sol 24 la sostanza bianca è diminuita per effetto dell’evaporazione.L’unico elemento che può vaporizzare in queste condizioni di pressione e temperatura è il ghiaccio d’acqua.Ciò apre nuovi orizzonti  alla missione di Phoenix che ,alla luce di questa conferma,giustifica la ricerca di vita a livello microbico sul pianeta rosso.

Contrassegnato da tag , ,

Henri Cartier-Bresson

Ile de la citè (Paris)

Brie (France) 1968

Berlin 1962

Contrassegnato da tag , , , ,

Room up stairs by Jacek Yerka

Vorrei veramente una stanza come questa a mia disposizione,decisamente a prova di scocciatore…forse.

Contrassegnato da tag , ,

Voltaire

“Le streghe hanno smesso di esistere quando noi abbiamo smesso di bruciarle.”

Voltaire

Salvator Rosa 1646                                   “Streghe ed incantesimi”

Contrassegnato da tag , , , ,

Scaiola presenterà il "pacchetto" al governo

Nucleare,mercoldì il primo passo in Consiglio dei ministri

Si chiederà una delega per individuare il sito nazionale dove depositare le scorie.

E’ il primo passo concreto-dopo molte parole- per il ritorno dell’energia nucleare in Italia….Un tema delicatissimo,una materia da maneggiare davvero con le molle:tutti ricordano l’insurrezione dei cittadini di Scanzano Ionico in Basilicata.E del resto già ora l’Italia deve essere in grado di conservare 90.000 metri cubi di rifiuti radioattivi tra prima e seconda categoria,di cui 65.000 proverranno dallo smantellamento degli impianti nucleari di ricerca e dalle centrali elettronucleari a suo tempo dismessi.Senza contare che entro il 2025 rientreranno in Italia anche i rifiuti spediti all’estero per il riprocessamento…

(R.GIO.)                                                                      dalla STAMPA del 15 giugno 2008

E’ abbastanza chiaro,ancora una volta ,che il problema vero non è la sicurezza delle centrali nucleari in Italia (paese notoriamente ad alto rischio sismico) ma quello dello smaltimento delle scorie radioattive.Spero che prima o poi qualcuno,a destra o a sinistra,invece di fare lo struzzo,e lo stronzo,affronti questo dilemma.In ogni caso vediamo di muoverci e farci sentire,non aspettiamo che decidano di fare un deposito nucleare in Maremma ,in Basilicata o nella pianura Padana per poi protestare tardivamente e inutilmente.

Contrassegnato da tag , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: