Archivio mensile:ottobre 2007

STRANAMORE: Senza dubbio, mein Führer! Coi reattori nucleari… Eh, volevo dire: signor Presidente. Coi reattori nucleari potremmo disporre di energia per secoli. Col sole artificiale manterremmo la vita vegetale. Potremmo allevare gli animali e macellarli! Hm! Forse è il caso di fare un censimento di tutte le miniere adatte che esistono nel Paese. Ma io ritengo che… che si possa provvedere allo spazio sufficiente alla vita di parecchie centinaia di migliaia di persone.
MUFFLEY: Sì, ma non vorrei essere io a decidere chi sta su e chi va giù.
STRANAMORE: Questo non sarà necessario, signor Presidente. Se ne occuperà un cervello elettronico che sarà predisposto per tenere conto dell’età di ogni singolo individuo, salute, fertilità sessuale, intellighenzia, oltre alle particolari abilità di ognuno. Naturalmente sarebbe necessario comprendere nel numero i più alti esponenti del governo e delle forze armate perché possano trasmettere i principi gherarchici e nazionalistici. Uuuh! S’intende che si riprodurrebbero moltissimo, perché il tempo sarebbe tanto, e il da fare poco. E con un’opportuna tecnica di allevamento, e con un rapporto, facciamo, di dieci femmine per ogni maschio, io ritengo che si potrebbe risalire alla produzione lorda attuale di figli in un periodo, diciamo, di venti anni.
MUFFLEY: Sì, professore. Ma questo… questo nucleo di superstiti non sarà così disgustato e addolorato da… da non avere più nessun desiderio di vivere?
STRANAMORE: No, no, signor Presidente. Chiedo scusa. Quando scenderanno, gli altri saranno ancora vivi. Non avranno ricordi dolorosi, sentiranno solo un po’ di nostalgia per quelli che saranno rimasti su, mitigata da un sentimento di sana curiosità per i loro destini. Ah! Aaah!

Stanley Kubrick sul set del “Dottor Stranamore”

Contrassegnato da tag , ,

Cartier-Bresson,Erwitt,Klein.

Continua la poesia dei grandi fotografi…sensazioni,emozioni che arrivano direttamente al cuore:

Henry Cartier-Bresson

Elliot Erwitt

William Klein

Contrassegnato da tag ,

Furbizie stupide

Senz’altro avrete visto auto e T.I.R. con appeso un CD davanti al cristallo anteriore o su quello posteriore.Questa operazione, che dovrebbe preservare il veicolo da verbali con foto allegate,rientra più nelle voci che nelle leggende metropolitane e non se ne conosce l’origine;il CD dovrebbe riflettere il laser dell’autovelox falsandone la lettura.Non si riesce a spiegare come una teoria così particolare, riesca a trasferirsi velocemente da un individuo ad un altro, per diffondersi a macchia d’olio senza che nessuno si documenti o prenda informazioni in merito seguendo ciecamente l’esempio del vicino,del conoscente o semplicemente imitando uno sconosciuto che viene reputato,non si sa su quali basi, più furbo della media.

Contrassegnato da tag ,

Un furto tra galassie.


In questa nuova immagine di Spitzer,(il radiotelescopio della Nasa) si vede un furto di gas caldo da parte di una grande galassia,la 3C 326 Nord,ai danni di una più piccola,la 3C 326 Sud,questo gas raffreddandosi potrebbe generare nuove stelle e pianeti.La galassia ladro e la sua vittima si trovano a circa un miliardo di anni luce dalla Terra nella Costellazione del Serpente e l’oggetto della ruberia è un gas chiamato idrogeno molecolare,che ,come detto,è il combustibile per formare i corpi siderali.Com’è che 3C 326 Nord riesce ad appropriarsi del gas di 3C 326 Sud ?La risposta è : la gravità.La più grande ha più gravità nel proprio gas ed attira quello della più piccola.Anche nello spazio esiste la legge del più forte.Nell’immagine ci sono tre lunghezze d’onda : quella della luce rossa (8 micron),verde(4,5 micron) e blu(3,6 micron).Tutti i punti luminosi sono galassie in secondo piano molto distanti,che fanno da sfondo.

Contrassegnato da tag ,

Il grande Lebowski

"Fortunatamente io rispetto un regime di droghe piuttosto rigido, per mantenere la mente diciamo… flessibile"

 

Contrassegnato da tag

John Lennon-Imagine-

                              Imagine
di John Lennon

Imagine there’s no heaven 

It’s easy if you try
No hell below us
Above us only sky
Imagine all the people
Living for today…

Imagine there’s no countries
It isn’t hard to do
Nothing to kill or die for
And no religion too
Imagine all the people
Living life in peace…

You may say I’m a dreamer
But I’m not the only one
I hope someday you’ll join us
And the world will be as one

Imagine no possessions
I wonder if you can
No need for greed or hunger
A brotherhood of man
Imagine all the people
Sharing all the world…

You may say I’m a dreamer
But I’m not the only one
I hope someday you’ll join us
And the world will live as one

Traduzione

Immagina che non esista il paradiso,
è facile se provi,
nessun inferno sotto di noi,
sopra di noi solo il cielo.
Immagina tutta la gente
vivere per il presente.
Immagina che non esistano frontiere,
non è difficile da fare,
nessuno per cui uccidere o morire
e nessuna religione.
Immagina tutta la gente
vivere una vita in pace.
Puoi darmi del sognatore,
ma non sono il solo.
Spero che un giorno
tu ti unirai a noi e il mondo sarà unito.
Immagina che non ci siano ricchezze,
mi meraviglierei se tu ci riuscissi,
né avidità né cupidigia,
una fratellanza di uomini.
Immagina che tutta la gente
si divida tutto il mondo.
Spero che un giorno
tu ti unirai a noi e il mondo vivrà unito.

Contrassegnato da tag

Tod Shimoda (1955)

Il calligrafo
Kiichi Shimano, fondatore e
sensei della scuola di calligrafia giapponese Zenzen, intinse il pennello nell’inchiostro sumi
nero. Premette con delicatezza il pennello contro la pietra finché la gocciolina di inchiostro in eccesso non rifluì lentamente nella parte concava. Poi, con un movimento fluido del pennello sulla carta, tracciò un semplice tratto orizzontale. “Vedi”, disse a Gozen, il suo studente migliore, “quando l’angolo è troppo piatto, la pennellata manca di vita. Prova ancora.” Gozen annuì e bagnò il pennello nell’inchiostro.
Mentre Gozen si esercitava sul radicale orizzontale, il sensei Zenzen pensava… Se solo fosse tornato a casa, a Kyoto, ventitrè anni prima, quando, alla fine, aveva capito che lei non avrebbe avuto più niente a che fare con lui. Lei non gli aveva mai detto il perché, ma , senza di lei, il sensei non aveva nessun motivo di restare in America. Certo, non gli rimaneva niente nemmeno in Giappone; non una scuola dove far lezione, non studenti a cui insegnare, non una famiglia che avesse a che fare con lui. Ma almeno in Giappone sarebbe stato a casa.

(Traduzione: Maria Grazia Galli)

Questo incipit è dedicato interamente a Krishel…ma resta sulla Terra,dove trovi i tramonti,le albe,il mare,le nubi,le foreste;lo so,ci sono i terrestri,ma forse tra mille anni saranno cambiati (spero in meglio) e noi ospiti spaziali saremo ancora qua e finalmente a casa.

Energie alternative…ma quali?

 Non riesco a capire se noi siamo tutti stupidi o se le 7 sorelle sono dotate di un controllo globale e totale sui governi di tutto il mondo. Nonostante numerosi paesi si siano orientati(almeno nominalmente) verso energie alternative continua imperterrita la produzione di auto alimentate con derivati del petrolio come se gli idrocarburi non fossero in esaurimento,lento ma inesorabile.Le stesse centrali elettriche vengono per lo più alimentate a gasolio o peggio a carbone.Mentre in tutti i campi,come medicina,informatica,elettronica,fisica sono stati fatti passi giganteschi, nel campo dell’energia non  si riesce a smuovere la ricerca dal nucleare o qualche cosa da bruciare(sia esso grano,barbietola,alcool etilico ecc.)Del nucleare sembra superfluo persino parlarne,a meno che qualcuno non sia riuscito a risolvere il piccolo problema delle scorie radioattive, oppure quello dello spegnimento delle centrali una volta accese.Riguardo al sostituire il petrolio con derivati dai cereali,già mi sembrava una cosa stupida di per sè (popolazioni intere muoiono di fame e noi produciamo grano da trasformare in carburante) ma si è rivelata pure disastrosa sotto il lato economico,portando all’aumento di pane,pasta e farine,alimenti consumati in particolare da ceti sociali meno abbienti.Possibile che le migliaia (voglio essere esagerato per difetto) di menti eccelse, nel mondo intero, non riescano ad avere un colpo d’ala,un’intuizione,un’idea per cambiare veramente la storia e la civiltà? Tornando alla frase di apertura,mi sorge il dubbio,peraltro alimentato da notizie sottotraccia o sotto forma di leggende metropolitane,che idee e invenzioni ,negli anni,ci siano state,ma siano state tutte acquistate o insabbiate dalle industrie petrolifere,senza che il potere politico abbia potuto, o peggio, voluto farci niente.

A.T.A. (Allen telescope Array)

L’undici ottobre ’07 in un remoto angolo nel nord/est della California è stato acceso per la prima volta il complesso di antenne che formeranno ( quando il progetto sarà completo) il più grande radiotelescopio del mondo,dedicato esclusivamente all’ascolto dello spazio.Il progetto del S.E.T.I.  ( Search for Extra-Terrestrial Intelligence ) prende il nome dal cofondatore della Microsoft Paul Allen: A.T.A. (Allen telescope Array).Per adesso saranno attivate solo 42 antenne con un piatto di 6 mt. di diametro che,sommate tra loro,equivarranno ad un telescopio con una parabola di 40 mt.Alla fine saranno 350 antenne.Questo radiotelescopio permetterà di raggiungere distanze mai esplorate per raccogliere qualunque messaggio alieno viaggiante nello spazio siderale.

Contrassegnato da tag , ,

Marte

Alcune immagini riprese dalla sonda che orbita attorno a Marte per analizzare siti per futuri atterraggi…(ammarteggi ??)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: